Skip to content

Fedra e l'Usignolo. Riscrittura del mito nel teatro di Timberlake Wertenbaker e Sarah Kane

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
La domanda che più di frequente mi capitava di pormi era il perché questi autori, tutti in modo assolutamente originale, si fossero rivolti ad un lontano passato, alla tragedia classica, al mito, per parlare di argomenti contemporanei e d‟attualità. In particolare mi interessava la riscrittura al femminile del mito perché gli anni ‟90 avevano visto in Inghilterra, o quanto meno nei teatri londinesi, una più massiccia presenza di uomini, drammaturghi e direttori artistici, rispetto alle donne. Ce lo conferma la stessa Timberlake Wertenbaker in un intervista a Michael Billington: There was a particolar moment (mid-„90s) when there were all these plays by men about men with really no women present. You go to the theatre partly to be mirrored in some way and you begin to feel you don‟t exist. I don‟t think women have ever been a welcome voice. You sense a relief that we can shut those women up and get back to what really matters, which is what men are saying. It‟s not complete paranoia. I think we‟re trained from birth to listen to men. The disappearance of women from the stage may also have discouraged aspiring writers. Word got around that there was little point in sending your play to the Court or the National. So women just stopped. Or went into TV and films.5 Chi va contro certe dinamiche di gender è senz‟altro la Kane, che, sempre nel periodo in esame, fu invece incorporata al gruppo degli uomini drammaturghi al Royal Court e anch‟essa protagonista di una riscrittura con Phaedra’s Love ma in un certo senso suo malgrado, perché scrive questa pièce su commissione del Gate Theatre di Londra. Il nuovo millennio vede inoltre un‟ulteriore rilettura del mito di Filomela, da parte di una giovanissima promessa della drammaturgia inglese che all‟inizio ha fatto pensare, giusto dopo la recente scomparsa dell‟autrice di Blasted, ad una nuova Sarah Kane. Si tratta di Joanna Laurens con The Three Birds, messo in scena anch‟esso al Bush Theatre nel 2000. In questo lavoro, evitando di concentrarmi soltanto sul mito dell‟Usignolo, ho introdotto anche la tragedia di Fedra, utilizzando come anello di congiunzione tra i due miti la pièce di Timberlake Wertenbaker, nella quale è presente l‟espediente del theatre- within-the-theatre che fa coincidere le due tragedie nella tematica dell‟amore incestuoso. Ho deciso inoltre di analizzare Phaedra’s Love di Sarah Kane che mi interessava per la maniera del tutto personale di riadattare la tragedia ma soprattutto per l‟importanza 5 Michael Billington, Men judge plays, put on the plays and run the theatres, "Guardian", 25 novembre 1999.
Anteprima della tesi: Fedra e l'Usignolo. Riscrittura del mito nel teatro di Timberlake Wertenbaker e Sarah Kane, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Fedra e l'Usignolo. Riscrittura del mito nel teatro di Timberlake Wertenbaker e Sarah Kane

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Duranti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Giovanna Mochi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 228

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anni 90
barbara nativi
drammaturgia inglese
grecia
il corpo
intervista a barbara nativi
lettearatura inglese
mito
mito e tragedia
nuova drammaturgia inglese
rimitologizzazione
ritorno al mito
sarah kane
teatro antico
teatro contemporaneo
teatro della limonaia, firenze
teatro femminile inglese
teatro inglese
timberlake wertenbaker
tragedia greca
women playwriters

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi