Skip to content

Mito e Tragedia nella coreografia di Martha Graham e Virgilio Sieni

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
XII con le altre pratiche artistiche, tenendo conto quindi del contesto culturale (o generale) e del contesto spettacolare (o immediato)33. Martha Graham e Virgilio Sieni “La danza che faccio io non può raccontare altro che se stessa. Cercare di nobilitare la danza attraverso un‟altra arte è un gesto di disprezzo e di ignoranza. E‟ tempo che la gente si metta in testa che la danza è un‟arte autonoma completa e compiuta. Anch‟io voglio strapparmi di dosso tutte le penne di un altro pavone e continuare ad elaborare i miei codici linguistici attorno alla danza-danza: la danza e basta.”34 Con queste parole perentorie, Virgilio Sieni rivendica la necessità di una danza autonoma e svincolata dalla necessità di dover comunicare o dover raccontare una storia. Martha Graham inizia la sua autobiografia con un‟affermazione altrettanto categorica: “I am a dancer” (Io sono una danzatrice). La danza è una pratica; una pratica durissima di costruzione del proprio corpo e di modellamento della propria anatomia. Di solito si intraprende lo studio della danza fin da bambini e lo si porta avanti, con fatiche e rinunce, nel corso degli anni. Scegliere di essere un danzatore significa dedicarsi ogni giorno ad un duro lavoro corporeo, mettersi nella situazione di vivere la frustrazione, mettersi a confronto con gli altri, trovarsi costantemente di fronte ai propri limiti. Martha Graham dedica le prime pagine della sua autobiografia al duro mestiere del danzatore, mettendo in guardia chiunque voglia intraprendere questa carriera. E Virgilio Sieni, negli appunti di lavoro sull‟Orestea di Eschilo afferma: “Il corpo 33 Secondo De Marinis il contesto culturale (o generale) è costituito “dalla cultura sincronica al fatto teatrale in esame: più esattamente, esso è rappresentato dall‟insieme dei testi culturali, teatrali ed extrateatrali, estetici e non, che possono essere messi in relazione con il testo spettacolare di riferimento, o con una sua componente: altri testi spettacolari, testi mimici, coreografici, scenografici, drammaturgici e così via, da un lato; testi letterari, retorici, filosofici, urbanistici, architettonici ecc. dall‟altro.” Il contesto spettacolare (o immediato) è costituito invece dalle situazioni pragmatiche e comunicative con le quali il testo spettacolare ha a che fare nei vari momenti del processo teatrale: esso riguarda quindi in primo luogo, le circostanze dell‟enunciazione e di fruizione delle spettacolo, ma anche le varie fasi genetiche (dal training degli attori, all‟adattamento del testo scritto, alle prove) e infine, ma non secondariamente, le altre attività teatrali che circondano il momento spettacolare vero e proprio. […] Nel primo caso potremmo parlare, quindi, di testi-nella-storia e nel secondo di testi-in-situazione (comunicativa): ma non va mai dimenticato che ogni testo spettacolare è sempre l‟una e l‟altra cosa insieme.” (Cfr. M. De Marinis, Capire il teatro. Lineamenti di una nuova teatrologia, Bulzoni, Firenze, 1999, p. 25). 34 Virgilio Sieni, in Vittoria Ottolenghi, Dall‟Isolotto All‟Etoile, `L‟Espresso´, 12 maggio 1995.
Anteprima della tesi: Mito e Tragedia nella coreografia di Martha Graham e Virgilio Sieni, Pagina 12

Preview dalla tesi:

Mito e Tragedia nella coreografia di Martha Graham e Virgilio Sieni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Duranti
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Letteratura Scuola di Dottorato Logos e Rappresentazione, studi interdisciplinari di letteratura, estetica, arti e spettacolo. Sezione Comparatistica: teatro, cinema, letteratura, danza
Anno: 2008
Docente/Relatore: Vito Di Bernardi
Istituito da: Università degli Studi di Siena
Dipartimento: Musica e Spettacolo, Facoltà di Arezzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 434

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

clytemnestra
compagnia virgilio sieni
contact improvisation
corpo
corporeità
danza
danza contemporanea
danza moderna
eschilo
il corpo del mito
il gesto
martha graham
mito
modern dance
night journey
orestea
parco butterfly
steve paxton
teatro danza
tragedia greca
trilogia del presente
virgilio sieni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi