Skip to content

Mito e Tragedia nella coreografia di Martha Graham e Virgilio Sieni

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
VIII Nell‟analisi degli spettacoli poi, ho cercato di mettere in primo piano e di ripercorrere la poetica22 e il procedimento creativo adottato da Martha Graham, attraverso l‟apparato paratestuale (programmi di sala, appunti di lavoro, l‟autobiografia della danzatrice, le biografie e le monografie scritte su di lei23), e intratestuale (la trama dei balletti), prendendo in considerazione, quando possibile, l‟analisi del movimento (grazie ai Notebooks e al Syllabus of Graham Movements24) servendomi anche di un vasto apparato critico25. Nel caso di Martha Graham, questo è composto dagli studi americani riconducibili a quella che è stata definita la scuola newyorkese, le cui maggiori esponenti sono, Deborah Jowitt26 e Marcia B. Siegel27 che, insieme a Arlene Croce e Nancy Goldner, secondo Diana Theodores: 22 Riprendo qui il concetto di “poétique” elaborato da Laurence Louppe in Poétique de la danse contemporaine, Contredanse, Paris, 2004. La poétique si avvicina al “fare” della danza, al suo progetto dinamico. La poétique non vuole proporre delle norme, come accadeva per quella classica, ma “questionne indéfiniment le champ du possible” (Cfr. Louppe, p. 33). Essa si propone di rompere con una visione lineare della storia della danza nella quale, di contro, sono presenti dei ritorni al passato e degli avanzamenti. Ne sono un esempio, la rivoluzione fatta dalle pioniere della danza moderna negli anni ‟20 e ‟30 e il radicalismo degli anni ‟60 in America. Intende studiare le modalità, più o meno esplicite, dell‟atto poetico in danza che passa dal movimento come processo generatore e dagli stati del corpo in quanto stati del pensiero. Diversamente dall‟approccio della corrente teorico-critica di matrice anglosassone, il cui obiettivo è quello di mostrare ciò che nella costruzione coreografica fa struttura, significato e metafora, Louppe predilige “l‟intimité du geste, de la genèse des composantes de l‟oeuvre. Là où ça travaille et se construit, là où ça s‟expose et prend des risques. Mais aussi là où ça nous touche, et parfois là où ça nous emmène.” (Cfr. Louppe, p. 40). 23 Soprattutto la monografia di Susanne Franco, Martha Graham, L‟Epos, Palermo, 2003; Leroy Leatherman, Martha Graham. Portrait of the Lady as an Artist, Knopf, New York, 1966; Walter Terry, Frontiers of Dance: The Life of Martha Graham, Limelight Editions, New York, 1966; Don McDonagh, Martha Graham. A Biography, Praeger, New York, 1973; Ernestine Stodelle, Deep Song. The Dance Story of Martha Graham, Schirmer Books, New York, 1984; Agnes De Mille, Martha. The Life and work of Martha Graham, Random House, New York, 1991. 24 Si trova in Marion Horosko, Martha Graham: the Evolution of her Dance Theory and Training 1926- 1991, Cappella Books, Pennington, 1991. Per l‟analisi del movimento, molto importante è stato il contributo di Henrietta Bannerman, con il suo saggio An Overview of the Development of Martha Graham‟s Movement System (1926-1991), «Dance Research: The Journal of the Society for Dance Research», Vol. 17, No. 2, (Winter, 1999), pp. 9-46. 25 Per una riflessione metodologica per lo studio della danza, si veda Susanne Franco e Marina Nordera (a cura di), I discorsi della danza, Parole chiave per una metodologia della ricerca, UTET, Torino, 2005. Il volume, che raccoglie i contributi di studiosi italiani e stranieri con orientamenti teorico- metodologici eterogenei, è costituito da tre parti incentrate ciascuna su una parola chiave: politica, femminile-maschile, identità. 26 Deborah Jowitt inizia a danzare professionalmente nel 1953 e lavora con alcuni dei maggiori coreografi nell‟ambito della modern dance, iniziando a creare coreografie nel 1962. Dal 1967 scrive nel «Village Voice». Le sue recensioni sono state raccolte in due libri: Dance Beat (Marcel Dekker, 1977) e The Dance in Mind (David Godine, 1985). Il suo Time and the Dancing Image (William Morrow, 1988) riceve il De la Torre Bueno Prize. Ha ricevuto numerosi premi per il suo contributo
Anteprima della tesi: Mito e Tragedia nella coreografia di Martha Graham e Virgilio Sieni, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Mito e Tragedia nella coreografia di Martha Graham e Virgilio Sieni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Duranti
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Letteratura Scuola di Dottorato Logos e Rappresentazione, studi interdisciplinari di letteratura, estetica, arti e spettacolo. Sezione Comparatistica: teatro, cinema, letteratura, danza
Anno: 2008
Docente/Relatore: Vito Di Bernardi
Istituito da: Università degli Studi di Siena
Dipartimento: Musica e Spettacolo, Facoltà di Arezzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 434

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

clytemnestra
compagnia virgilio sieni
contact improvisation
corpo
corporeità
danza
danza contemporanea
danza moderna
eschilo
il corpo del mito
il gesto
martha graham
mito
modern dance
night journey
orestea
parco butterfly
steve paxton
teatro danza
tragedia greca
trilogia del presente
virgilio sieni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi