Skip to content

Lingua dei segni italiana e tedesca: un'analisi comparativa. Il campo semantico dei mestieri e degli animali.

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
14 Silvestri (1744-1789). Egli era stato mandato a Parigi, alla scuola di de l'Epée e al suo ritorno aprì una scuola con otto alunni presso l‟abitazione dall'avvocato Pasquale Di Pietro che gli aveva finanziato il viaggio. Come risulta dal manuale “Sulla maniera di far parlare e di istruire speditamente i sordomuti di nascita”, scritto da Silvestri e conservato presso la biblioteca dell‟Istituto, si utilizzò il metodo orale: si istruivano gli allievi nell‟articolazione, nella lettura labiale, ma con il supporto gestuale come mezzo primario di comunicazione. I risultati sono buoni, si diffondono in poco tempo, e contribuiscono alla formazione di nuovi educatori dei sordi e alla nascita di nuove scuole speciali. Un'altra scuola molto importante impostata sul metodo orale è quella di Napoli, diretta da un allievo di Tommaso Silvestri, Benedetto Cozzolino, e divenuta istituto pubblico nel 1788. Per quanto riguarda il metodo mimico, non si può dimenticare l'opera di Ottavio Assarotti (1753-1829), detto l'Apostolo dei sordomuti italiani per la carità e lo zelo con cui si è dedicato ai sordomuti poveri della città di Genova. Assarotti inizia a dedicarsi a quest'opera quasi da autodidatta, e come de l'Epée apprende e utilizza come strumento di insegnamento la mimica naturale dei sordomuti. Insegna loro la lingua, la lettura e la scrittura, ed infine qualche materia, come la religione e l'aritmetica. La scuola aperta a Genova all‟inizio del 1800 vuole essere inizialmente un istituto modesto ma ben presto si sviluppa fino ad ottenere dei sussidi pubblici. Nel frattempo, Assarotti si informa e si documenta sui metodi di istruzione praticati all'estero, ma arriva alla conclusione che “[...] il miglior metodo per l' istruzione dei sordomuti esser quello di non averne alcuno.”4. Egli, “[...] avendo studiato senza preconcetti didattici la varietà delle attitudini dei sordomuti, si era convinto essere sommamente utile conoscere le diverse maniere e i metodi dei vari maestri, ma non doversi rendere schiavo di alcuno”. Assarotti fu una figura di estrema importanza poiché grazie alla sua scuola di Genova si sono formati altrettanti validi educatori tra cui Cesare Bagutti, Tommaso Pendola e Matteo Marcacci. Un ruolo importante per l‟educazione dei sordi secondo il metodo mimico è rivestito anche dall‟Istituto Regio di Milano, mantenuto grazie a sussidi statali e diretto per diversi anni dal sopraccitato allievo di Assarotti, Cesare Bagutti (1776-1837). Per quanto riguarda invece le scuole oraliste, non si può dimenticare quella fondata nel 1828 a Siena da Tommaso Pendola (1800-1883)5. Pendola aveva studiato le opere di Sicard e i segni metodici, aveva acquisito esperienza da Assarotti, ma aveva riconosciuto i risultati dati in molti casi dal metodo orale, e aveva infine contribuito alla sua diffusione grazie alla fondazione nel 1872 di un periodico, “L'educazione dei Sordomuti in Italia”, tuttora esistente. Questa rivista include discussioni e 4 Citato da Ferreri, Giulio; Disegno Storico dell'Educazione dei Sordomuti, parte seconda: il Secondo Periodo Storico dell’Istruzione dei Sordomuti, Milano, 1917, pag. 53. 5 Nel 1843 l'istituto di Siena si unisce a quello di Pisa per formare il Regio Istituto Toscano dei Sordomuti.
Anteprima della tesi: Lingua dei segni italiana e tedesca: un'analisi comparativa. Il campo semantico dei mestieri e degli animali., Pagina 8

Indice dalla tesi:

Lingua dei segni italiana e tedesca: un'analisi comparativa. Il campo semantico dei mestieri e degli animali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Veronica Siddi
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2008-09
Università: Università degli Studi di Cagliari
Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
Corso: Lingue e letterature straniere
Relatore: Maria SofiaCasula
Lingua: Italiano
Num. pagine: 103

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arbitrarietà
cultura dei sordi
dgs
differenze regionali
iconicità
lessico della lis
lingua dei segni
lis
sordi
sordità
struttura della lis
varietà delle lingue dei segni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi