Protezione dalle sovratensioni: analisi, scelta e dimensionamento degli SPD

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 viene calcolato in base alla differenza dei diversi tempi di rilevamento dell'onda elettromagnetica registrati dai vari ricevitori ed alle conseguenti differenze di durata dell'onda elettromagnetica, a partire dal punto di scarica del fulmine, in corrispondenza dei vari ricevitori. I dati così rilevati vengono archiviati centralmente e messi a disposizione dell'utente. In caso di temporale può accadere che le nuvole e il suolo si comportino come le armature di un condensatore. L'aria è il dielettrico interposto tra queste enormi armature: esso è costituito da una miscela di gas isolanti composta principalmente da azoto e ossigeno. La rigidità dielettrica dell'aria, in base al valore del campo elettrico che si stabilisce tra cielo e terra, può essere superata e si può verificare il fenomeno della fulminazione. I temporali sono normalmente originati da particolari nubi di tipo cumuli-nembi, riconoscibili dalla forma allungata a fianchi stretti e dal caratteristico colore scuro. La nascita di una nube temporalesca è dovuta all'aria calda che dal terreno sale verso l'alto. L'aria ascendente, raggiunta una determinata altezza, si porta ad una temperatura alla quale diventa satura di vapore acqueo che, condensando, dà origine ad una nuvola. Il calore liberato dal processo di condensazione del vapore provoca un ulteriore riscaldamento dell'aria che è spinta nuovamente verso l'alto (figura 4) . Figura 4 Se l'aria è molto umida si ha la formazione di cumuli stratificati, che possono raggiungere uno spessore di 12 km ad un'altezza da terra di circa 2 km. La turbolenza di queste correnti d'aria favorisce la separazione delle gocce d'acqua che si sono formate. Alle alte quote, quando la temperatura dell'aria scende al di sotto di 0 °C, le gocce d'acqua si trasformano in cristalli di ghiaccio. Sarebbero proprio gli urti tra gocce d'acqua e cristalli di ghiaccio a generare le cariche elettriche negative e positive che si formano nella nube. Le cariche elettriche di segno opposto che si sono formate si separano posizionandosi in parte verso l'alto (cariche positive costituite dai cristalli di ghiaccio) e, in parte, verso il basso della nube (cariche negative costituite dalle goccioline di acqua) (figura 5). E' da questo

Anteprima della Tesi di Pierluca Russotto

Anteprima della tesi: Protezione dalle sovratensioni: analisi, scelta e dimensionamento degli SPD, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Pierluca Russotto Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3358 click dal 16/04/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.