Skip to content

Il Private Equity nelle finanziarie regionali: un caso di insuccesso

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7Introduzione Le operazioni di Private Equity e Venture Capital nascono nel contesto statunitense tra la fine degli anni Settanta e gli inizi degli anni Ottanta. Agli esordi le operazioni che ora rientrano nel contesto del Private Equity non trovavano una collocazione autonoma, ma venivano identificate come facenti parte della finanza d’azienda. Il modus operandi aveva lo scopo di migliorare l’efficienza aziendale, molto spesso eliminando rami d’azienda o riducendo le spese di ricerca e sviluppo o la forza lavoro; questo tipo di operazioni rientravano nella procedura di delisting, avente come target aziende quotate “privatizzate” e successivamente ricollocate nel mercato, ottenendone elevati capital gains. Il diffondersi e l’elevata portata di questo fenomeno ha condotto a prospettare una diversa e nuova area di interesse che coinvolgesse la ristrutturazione aziendale, la corporate governance e le acquisizioni di azienda ricorrendo al debito. Queste ultime operazioni definite di leveraged buy out, tutt’oggi rivestono il ruolo primario e principe nel Private Equity, sia per numero che per ammontare economico coinvolto; l’andamento dei LBO è caratterizzato da una forte ciclicità legata fortemente all’andamento economico ed al costo del denaro. Il settore negli ultimi anni è stato protagonista di un’importante crescita, evidenziando due picchi storici: uno nel 1988 ed il successivo nel 2006-2007. Come ricordato precedentemente l’andamento è caratterizzato dall’andamento dei mercati creditizi ed è per questo motivo che nella seconda metà del 2007 si è verificato un significativo arresto. La consapevolezza di questa criticità ha portato negli anni a un atteggiamento orientato alla diminuzione del ricorso del debito a favore delle operazioni di expansion financing, le quali non ricorrono a un elevato ammontare di debito, ma mirano a creare valore dall’efficienza aziendale e dallo sviluppo dell’idea imprenditoriale. Nella stessa direzione si muove il Venture Capital, avendo come target imprese start up operando mediante l’analisi del business plan e l’inserimento in azienda di professionisti e best practises. Lo sviluppo del Private Equity è stato da subito caratterizzato da un ampio dibattito, molto spesso creando opposte reazioni riguardanti la reale efficienza dei miglioramenti apportati alle aziende partecipate. I sostenitori del Private Equity pongono forte risalto alla caratteristica di “generatori di valore” sostenendo che le imprese partecipate da investitori istituzionali presentano performance notevolmente superiori a quelle di mercato e
Anteprima della tesi: Il Private Equity nelle finanziarie regionali: un caso di insuccesso, Pagina 1

Preview dalla tesi:

Il Private Equity nelle finanziarie regionali: un caso di insuccesso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Spellanzon
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Marco Vedovato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bilanci falsificati
bussiness incubator
buyout
concordato preventivo
crisi
default
dissesto
distorsioni
expansion financing
fallimento
finanziarie
investimento
joint venture
leverage
lodo giuridico
private equity
salvataggio
veneto sviluppo
venture capital
z-score

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi