Skip to content

Fernando Arrabal y su ''Pánico''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 La prima volta che approda a Parigi, lo fa nel 1954 in autostop per vedere Mutter Courage und ihre Kinder di Bertolt Brecht, rappresentata dalla compagnia teatrale Berliner Ensemble al Théatre de la Ville Sarah Bernhardt. L‟occasione per istallarsi definitivamente nella capitale francese (al Pavillon spagnolo della Cité Universitaire) si presenta nel dicembre 1955 sotto forma di una borsa di studio, offerta dal governo francese all‟allora ventitreenne Arrabal, il quale due anni prima (esattamente nel 1953) si era affacciato ufficialmente al mondo del teatro, partecipando al concorso Premio Ciudad de Barcelona, con l‟opera Los Hombres del Triciclo, opera oggi nota con il titolo El triciclo. La pièce era stata ritenuta un plagio di Beckett da Alfonso Sastre, il quale, in quanto membro della giuria, si era opposto all‟assegnazione del primo premio. Arrabal rispose che non capiva come il suo testo potesse assomigliare all‟opera del poeta sevigliano di Rimas o Leyendas : “No había oído entonces el nombre de Beckett por lo que lo confundí con Bécquer”10. Poco tempo dopo il suo arrivo nella capitale francese, scopre di essere malato di tubercolosi, viene così ricoverato nell‟ospedale dell‟università ed in seguito trasferito al Sanatorio di Bouffemont, dove viene operato l‟8 novembre del 1956. L‟esperienza del sanatorio sarà di grande importanza per la creazione artistica di Arrabal. Egli stesso in un‟intervista rilasciata a Angel Berenguer11 dichiara: ¿verdad? Hice Fando y Lis, El laberinto, Los dos verdugos. Era el momento en que yo he sufrido más físicamente –no moralmente– de mi vida. Me operaron de pulmón12. L‟essere figlio di un padre “rosso”, condannato a morte per “ribellione” e di una madre conservatrice, che se non arrivò a denunciare il marito13 al governo spagnolo, quanto meno non lo sostenne moralmente durante il carcere, cercando, inoltre, di cancellarne il ricordo nella memoria dei figli, indusse Arrabal ad un esilio forzato. A Parigi però l‟autore scoprì un ambiente estremamente favorevole, poiché la città, fucina di iniziative artistiche, lo accolse con entusiasmo, 10 F. Cantalapiedra, F. Torres Monreal, El teatro de vanguardia de Fernando Arrabal, Kassel, Édition Reichenberger, 1997, p. 27. 11 Analoghe affermazioni si ritrovano anche nell‟intervista concessa da Arrabal ad Alain Schifres nel 1969 (A. Schifres, Entretiens avec Arrabal, Paris, Éditions Pierre Belfond, 1969). 12 A. y J. Berenguer (edd.), Fernando Arrabal, Madrid, Editorial Fundamentos, 1979, pp. 56-57. 13 “Elle n‟a pas dénoncé son mari (comment l‟aurait-elle pu? Le 17 juillet 1936, le pronunciamento la surprit elle-même). Mais elle ne l‟a pas défendu ni aidé à supporter l‟épreuve de la prison. Au contraire, ses lettres étaient si cruelles que le directeur du pénitencier dut intervenir” (B. Gille, Fernando Arrabal, Paris, Éditions Seghers, 1970, p. 8, nota 2).
Anteprima della tesi: Fernando Arrabal y su ''Pánico'', Pagina 3

Preview dalla tesi:

Fernando Arrabal y su ''Pánico''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Petrini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Luciana Gentilli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bosch
caso
confusione
dio pan
el arquitecto y emperador de asiria
la communion solennelle
memoria
metamorfosi
monreal
panico
paul klee
piedra de la locura
pipirijaina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi