Skip to content

Fernando Arrabal y su ''Pánico''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 mostrandosi indulgente nei confronti delle sue provocazioni e del suo stuzzicante anticonformismo. Negli anni ‟20 a Parigi era nato il Surrealismo che, attraverso il lavoro di gruppo, propugnava la trasformazione della realtà. Le “chiacchierate”, fra coloro che aderivano al movimento, avevano luogo dalle ore 18.00 alle ore 19.30 in punto di ogni pomeriggio, presso la Promenade de Venus e le riunioni erano presiedute da André Breton. Arrabal presto si sentì attratto da tale mondo, dove fu introdotto da Jodorowsky agli inizi del 1962. Va precisato che Jodorowsky, nel momento in cui nel novembre del 1961 si cimentò con il montaggio dell‟opera arrabaliana Fando y Lis, al Teatro de Los Compositores a Città del Messico, non conosceva ancora l‟artista spagnolo. L‟incontro ebbe luogo grazie al pittore Alberto Gironella14, il quale si era casualmente imbattuto in Arrabal ad una sua esposizione a Saint Gérmain de Près nello stesso 1962. Quest‟ultimo lasciò il proprio numero telefonico e indirizzo sul catalogo di Gironella, ragion per cui il pittore, amico di Jodorowsky, poté poi, da mediatore occasionale, farli incontrare.15 Nello stesso anno anche Jean Benoît suggerì ad Arrabal di chiedere a Breton la possibilità di partecipare ad una delle riunioni surrealiste. Breton, che frequentava da tempo Jodorowsky, accolse Arrabal con estrema cortesia: “Je pensais qu‟il ne nous connaissait d‟aucune manière, mais à la fin de la séance, il s‟est approché de moi et m‟a dit: Vous êtes le bienvenu: j‟étais accepté. J‟ai appris ensuite qu‟il avait lu mes livres.”16 All‟inizio l‟impatto di Arrabal con l‟ambiente surrealista fu positivo; ben presto, però, l‟eccessivo dogmatismo ideologico, politico e morale, l‟intransigenza di Breton, evidente nelle espulsioni (ironicamente chiamate “excomuniones”, cosa che gli valse il nomignolo di Papa Breton)17, lo condussero a prendere le distanze dal circolo di Promenade de Venus: Pour être vraiment surréaliste, il fallait se rendre tous les soirs libres aux réunions, de 18 h à 19 h 30, et il était rare que Breton ne fût là avant les autres. Ne le faisant pas, j‟étais considéré comme un sympathisant. J‟ai fini 14 Pittore messicano (1929-1999), “poeta” delle immagini visive, concepisce il quadro non solo come una composizione plastica, bensì come metafora delle proprie ossessioni, sogni, paure e desideri: il quadro è uno specchio che sfigura e trasfigura le immagini, si trasforma in poema e si offre allo spettatore come un insieme di metafore intrecciate. 15 A. Bertoli. Panico!..., cit., p. 103. 16 A. Schifres, Entretiens…, cit., p. 90. 17 F. Cantalapiedra, F. Torres Monreal, El teatro de vanguardia…, cit., p. 276.
Anteprima della tesi: Fernando Arrabal y su ''Pánico'', Pagina 4

Preview dalla tesi:

Fernando Arrabal y su ''Pánico''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Petrini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Luciana Gentilli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bosch
caso
confusione
dio pan
el arquitecto y emperador de asiria
la communion solennelle
memoria
metamorfosi
monreal
panico
paul klee
piedra de la locura
pipirijaina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi