L'informazione al paziente anziano nella gestione della terapia anticoagulante orale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 2003; Salem et al, 2004; Go et al, 2001; Peterson et al, 1999; Hart et al, 1999; Hart et al, 2007; Anand and Yusuf, 1999; Anand and Yusuf, 2003; Mohr et al, 2001; SPIRIT, 1997; Ridker et al, 2003; Kearon et al, 2003; Stein et al, 2001; Leon et al, 1998; Bertrand et al, 1998; Cairns et al, 2001; MRC, 1998; Crowther et al, 2003; Lip and Steven, 2006). Gli anticoagulanti orali sono efficaci principalmente nella prevenzione primaria e secondaria del tromboembolismo venoso, nella prevenzione dell’embolia sistemica in pazienti portatori di protesi valvolari cardiache o con fibrillazione atriale, ma anche, in casi selezionati, nella prevenzione secondaria dell’infarto e dello stroke (Pengo et al, 2002). Protesi valvolari cardiache La sostituzione di una valvola cardiaca con qualsiasi tipo di protesi valvolare sia meccanica che biologica può determinare, con variabile entità, un’attivazione della coagulazione con deposizione di trombi a livello cavitario e con elevato rischio embolico (Pengo et al, 2002; Salem et al, 2004). In tali circostanze il trattamento con anticoagulanti orali riduce significativamente il rischio tromboembolico. Nei pazienti con protesi valvolari meccaniche si raccomanda la TAO a lungo termine con INR target di 3, tranne per quelli che sono portatori di vecchie protesi meccaniche a palla o a disco e nei portatori di doppia protesi ai quali si raccomanda un INR target di 3,5 (Salem et al, 2004). Mentre per i pazienti con protesi valvolari biologiche si raccomanda un INR target di 2,5 per 3 mesi dopo l’intervento e dopo questo periodo il trattamento viene interrotto (Pengo et al, 2002; Salem et al, 2004). Malattie valvolari cardiache Nei pazienti con valvulopatia mitralica reumatica e FA e/o storia di embolia si raccomanda la TAO a lungo termine con INR target 2,5 (Pengo et al, 2002; Salem et al. 2004). Nei pazienti con valvulopatia mitralica reumatica in ritmo sinusale e senza precedenti embolie,

Anteprima della Tesi di Donatello Villano

Anteprima della tesi: L'informazione al paziente anziano nella gestione della terapia anticoagulante orale, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Donatello Villano Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4253 click dal 21/04/2010.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.