La Cooperazione Internazionale allo Sviluppo, breve excursus storico (anni 1950 - 1990)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il concetto di POVERTA’ ASSOLUTA, così come sottoscritta al vertice mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo sociale, nel 1995 2 , risulta essere “la condizione caratterizzata da privazioni gravi dei bisogni umani fondamentali, che comprendono il cibo, l’acqua potabile,l’igiene,la salute, l’istruzione, un’abitazione e l’informazione”. (Zupi, 2003) La loro situazione di povertà assoluta è indipendente e non influenzabile dagli standard di vita delle persone che non appartengono al loro medesimo gruppo. Il grado di povertà è fissato dal rapporto del proprio reddito col valore di un paniere di beni definiti indispensabili E’ imprescindibile da questa definizione la problematica della individuazione della linea di demarcazione che permetta di distinguere le situazioni di povertà da quelle di non povertà, essendo comunque la risultante di una identificazione arbitraria del paniere di beni di riferimento. La “linea della povertà” è oggi convenzionalmente fissata intorno al valore di $ 1,08 al giorno di reddito secondo la compensazione operata sulla valuta locale dal metodo della Parità del Potere di Acquisto, per cui colui che abbia un reddito giornaliero uguale o inferiore a questo valore, è riconosciuto come in una situazione di povertà estrema. Tale valore, come vedremo unitamente ad un determinato livello di PIL pro- capite, è stato l’indicatore di sviluppo più adottato dalla Banca Mondiale, dal Fondo Monetario Internazionale e dall’ONU per la classificazione dei paesi in gruppi: paesi economicamente sviluppati, paesi a livello intermedio, paesi meno sviluppati. In conformità a tale parametro, le più recenti stime realizzate e mostrate dalla Banca Mondiale, presentano il dato sconcertante di più di un miliardo di persone che vive, appunto, ancor oggi con meno di un dollaro al giorno. Ad un simile risultato è giunto anche il lavoro esposto dall’United Nations Development Report dell’ONU del 2007, secondo cui il numero di persone che vive con meno di 1 $ al giorno è sì e diminuito negli ultimi anni, ma rimane comunque elevato passando da 1,25 miliardi del 1990 fino a 980 milioni del 2004. La POVERTA’ RELATIVA, all’opposto, è il risultato della messa a confronto della posizione degli individui, delle famiglie con un determinato standard, un livello di vita medio che costituisce “la normalità” nel contesto di riferimento; dipende da una o più 11 2 http://www.centrodirittiumani.unipd.it/a_temi/conferenze/copenaghen5/social_summit_1995.pdf

Anteprima della Tesi di Mariarosaria Francese

Anteprima della tesi: La Cooperazione Internazionale allo Sviluppo, breve excursus storico (anni 1950 - 1990), Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mariarosaria Francese Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1590 click dal 28/04/2010.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.