Skip to content

La produzione di idrogeno per via nucleare: proposta di un possibile scenario energetico per il settore dei trasporti

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione I-1 INTRODUZIONE “È comune defetto degli uomini, non fare conto, nella bonaccia, della tempesta.” (Machiavelli, “Il principe”). Così Nicolò Machiavelli interpretava il comportamento umano nel 1513. Questo è quello che sta accadendo oggi. Si è scelto di partire da questa citazione per introdurre un problema che, dai giorni nostri fino al prossimo secolo, emergerà e si renderà sempre più pressante. Il cervello umano ha la funzione di portare il corpo ad effettuare l’azione voluta con il minor dispendio energetico. Questa è una caratteristica che abbiamo ereditato dal passato, dalle nostre origini, con il fine della sopravvivenza, propria del regno animale. Ma l’ingegno umano ha contribuito ulteriormente a questo risparmio energetico personale, sfruttando ciò che lo circondava. Si è arrivati così alla rivoluzione industriale, l’uomo ha scoperto le fonti fossili, la sua natura gli ha fatto apprezzare la “comodità” del loro sfruttamento per i propri scopi. Qui iniziò la bonaccia. Questa tesi ha lo scopo di sottolineare un problema che, sebbene non sia ancora estremamente accentuato, presto emergerà in modo sempre più evidente. Con il presente lavoro si cercherà quindi di proporre una tra le tante e possibili soluzioni per limitarlo. L’uomo sta sfruttando in maniera esasperata ciò che la natura ha fornito, e sembra che, in futuro, continuerà a farlo. Al momento la situazione di disagio sociale dei paesi non industrializzati va in parte a controbilanciare, nell’economia energetica mondiale, la faraonica condizione dei paesi industrializzati. Ma, anche per una questione di giustizia sociale, non si può non augurarsi che queste disparità tendano sempre più a scomparire. Una delle forze trainanti la richiesta energetica mondiale è stata la crescita della popolazione che si è avuta su scala mondiale negli ultimi cinquanta anni (passando da circa 3 miliardi di abitanti fino agli attuali 6.8 miliardi). La situazione si complica quando si fa riferimento alle proiezioni attese per il 2050. Si parla in questo caso di cifre molto elevate: 9.2 miliardi se avranno successo le campagne per la riduzione della fertilità, o più di 11 miliardi in caso contrario (dati tratti dal rapporto rilasciato l’11 marzo dalla Population Division delle Nazioni Unite [I-1]). Il rapporto [I-1] prevede che i paesi in via di sviluppo passino dagli attuali 5.6 a 7.9 miliardi di abitanti entro il 2050. Ma questo avverrà solo se il tasso di fertilità scenderà notevolmente. Se quest’ultimo invece rimanesse quello attuale del periodo 2005-2010, la popolazione dei paesi in via di sviluppo salirebbe a 9.8 miliardi di abitanti e sommandola a quella dei paesi industrializzati, si supererebbero gli undici miliardi. In ogni caso un forte aumento della popolazione entro il 2050 “è inevitabile”. Quanto dureranno le riserve di petrolio? Secondo la ExxonMobil, la maggiore compagnia petrolifera, i giacimenti petroliferi sono sufficienti, ai ritmi attuali, per la fornitura di petrolio fino al 2050. Secondo la BP Amoco, la seconda compagnia petrolifera, i giacimenti accertati sono, sempre ai ritmi di consumo attuali, sufficienti fino al 2044. La U.S. Geological Survey dopo uno studio durato cinque anni, ha concluso che il mondo ha riserve sufficienti per circa 80 anni ai ritmi di consumi attuali. Ci sono poi i geologi del King Hubbert Center della Colorado School of Mines che ritengono che la produzione dell’oro nero toccherà il suo picco in questo decennio con 85 milioni di barili al giorno per poi scendere drammaticamente a 35 milioni nel 2020 [I-2].
Anteprima della tesi: La produzione di idrogeno per via nucleare: proposta di un possibile scenario energetico per il settore dei trasporti, Pagina 3

Preview dalla tesi:

La produzione di idrogeno per via nucleare: proposta di un possibile scenario energetico per il settore dei trasporti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Marotta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: nucleare
  Relatore: Nicola Cerullo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 224

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cicli simbiotici
consumi
effetto serra
fuel cycle
idrogeno
iodio zolfo
nfcss
nuclear fuel cycle simulation
nucleare
previsione consumi
processo i-s
reattori a gas ad alta temperatura
scenario
trasporti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi