Skip to content

L'attualità del Grande Crollo degli anni Trenta

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 Difatti, l’economia Francese dipendeva dall’export ed era esposta alle congiunture sfavorevoli che caratterizzarono l’intero commercio internazionale tra le due guerre. La Francia fu uno Stato che non presentò il circolo virtuoso tra crescita dei redditi, crescita consumi e investimenti, complesso le concause da comprendere. La crisi mondiale si manifesto in Francia con notevole ritardo, fine anni Trenta, fu inaspettata rispetto alla prosperità degli anni precedenti. Infatti, lo sviluppo sostenuto dall’export francese e le politiche monetarie di stabilizzazione di Poincarè, avevano fatto della Francia il primo depositario di riserva aurea in Europa. La crisi fu inizialmente meno devastante che altrove, grazie alla minor diffusione dei rapporti capitalistici moderni, in particolare la crisi colpì i cittadini stranieri, con ulteriori effetti di decremento delle esportazioni, dovuta alla svalutazione della sterlina, favorendo l’import francese e spingendo verso il rosso la bilancia dei pagamenti. I poteri pubblici reagirono con misura diretta a frenare le importazioni con effetti generali di riduzione a sua volta delle entrate dello Stato, mettendone in pericolo la solvibilità, con effetti di contrazione domestica delle spese statali che contribuì ancor più a deprimere il livello generale dell’attività economica. La crisi finì con il ripercuotesi sugli equilibri politici della Francia, sviluppando agitazioni sempre più intense, con la rivolta degli stati sociali più duramente colpiti dalla depressione: operai; disoccupati e contadini, in questo clima il partito comunista trova spazi, mentre le organizzazioni di sinistra si moltiplicano anche sempre più numerose organizzazioni eversive di estrema destra, le ligues. Mentre in Russia, nel 1917 la guerra civile diede un contraccolpo all’economia, in uno Stato che era già comatoso, la carenza di infrastrutture, danneggiò gli scambi tra città e campagne, la produzione industriale era al collasso, mancanza di abitazioni, disoccupazione e miseria dilagavano. Altro aspetto la carestia, che procurò milioni di vittime, con effetti di distribuire le scarse risorse in base alla tipologia di lavoro, mentre i borghesi in un primo momento allontanati dagli elevati gradi della burocrazia, furono richiamati ai loro posti. Incominciarono dei rastrellamenti nelle campagne per requisire con forza ai contadini ogni eccedenza, si diffuse il mercato nero del baratto (la moneta aveva perso ogni valore) e le retribuzioni furono pagate prevalentemente in natura. I furti nelle fabbriche aumentarono, indusse il governo nell’aprile del 1920 ad attuare una forma decisamente autoritaria e militari. Con la fine della guerra civile, la Russia rimase completamente isolata, i leader comunisti ritenevano che questo isolamento sarebbe stato pur sempre provvisorio; nel 1924-1925, dovettero prendere atto che il capitalismo mondiale e la borghesia non erano andati all’atteso collasso. Questo isolazionismo evidenziò una fattispecie di vulnerabilità, contraddistinta dal totale sfascio del sistema produttivo.
Anteprima della tesi: L'attualità del Grande Crollo degli anni Trenta, Pagina 7

Preview dalla tesi:

L'attualità del Grande Crollo degli anni Trenta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maurizio Settembre
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Pietro Cafaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 264

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analogia crisi del '29 e quella attuale
crisi attuale italia
deflazione e inflazione
diseguaglianze economiche
f.d. roosevelt
gli stati uniti dalla depressione all'era di roos
grande crescita economica usa 1890 - 1900
h. hoover
ii new deal
infrastrutture
l'italia durante la crisi del 1929
la germania durante la crisi del 1929
le ripercussioni del crollo di wall steet in euro
lo stato spendendo arrichisce
new deal
organizzazione scientifica del lavoro
prima gestione della crisi 1929 - 1933
produzione di massa
ruolo dei derivati
ruolo della finanza di ieri e oggi a confronto
sottoconsumo
sovrapproduzione
tva (tennessee valley authority)
uscita definitiva dalla crisi economica del 1929

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi