Declinismo. Il dibattito sul declino degli Stati Uniti tra la fine della guerra fredda e l'inizio dell'era post-bipolare.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 politico, l‟altro che analizza nello specifico gli scritti “declinisti”. Si inizia con “la fine della guerra fredda”, gli anni Ottanta così marcatamente caratterizzati dall‟amministrazione Reagan, dall‟aumento vertiginoso delle spese per la difesa e dal deficit galoppante. Ne verrà fornito un quadro storico essenziale, funzionale ai temi che si vogliono enfatizzare; sarebbe infatti pretenzioso raccontare tutta la complessità della storia americana di quegli anni. Nel corso del primo capitolo, storia e dibattito teorico sul futuro degli Stati Uniti si intrecceranno fino a giungere agli anni della dissoluzione dell‟Unione Sovietica. Ci si muoverà tra le concezioni trionfali di tale evento epocale, e quelle allarmistiche per la fine di un periodo di “lunga pace armata” tra grandi potenze, che dunque avrebbe potuto aprire di nuovo la strada all‟instabilità. Tra esse si è ritagliata uno spazio l‟impostazione “declinista”, come è stata chiamata dai suoi detrattori, che rivestirà una posizione centrale rispetto alle altre tesi esaminate nel primo capitolo. La paura del declino di fine anni Ottanta era data non dal decadente colosso sovietico, ma dalla dinamicità delle economie degli alleati degli Stati Uniti, Europa e Giappone, in anni in cui al contrario gli USA realizzavano di essere una grande potenza fortemente indebitata. Il modo giusto, secondo i declinisti, di muoversi in questo contesto sarebbe stato assecondarlo, depotenziando gli impegni internazionali troppo onerosi e l‟apparato militare. Il secondo capitolo invece approfondirà dettagliatamente The Rise and Fall of the Great Powers. Si cercherà sia di fornire una precisa descrizione della “sovraestensione imperiale”, vista da Kennedy come elemento ricorrente nella storia dell‟ascesa e declino delle grandi potenze, sia di entrare nello specifico del fermento suscitato dall‟opera, presentando diverse analisi critiche. La seconda parte di questa trattazione invece prende in esame un contesto radicalmente mutato, “l‟inizio dell‟era post-bipolare”. Il terzo capitolo si occuperà degli anni Novanta, caratterizzati (come gli anni Ottanta con Reagan) dai due mandati presidenziali di Clinton, ma soprattutto caratterizzati dalla mancanza di coerenza, sia nell‟azione americana all‟estero, sia dal punto di vista dell‟analisi sul sistema internazionale. La guerra del Golfo del 1991, che ha visto la partecipazione di un‟ampia coalizione, così trionfalmente dipinta da Bush come segno tangibile di un nuovo ordine mondiale in cui si sarebbero affermati i

Anteprima della Tesi di Luigi Serra

Anteprima della tesi: Declinismo. Il dibattito sul declino degli Stati Uniti tra la fine della guerra fredda e l'inizio dell'era post-bipolare., Pagina 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luigi Serra Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2101 click dal 23/04/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.