Spazio e personaggio nel teatro di Ibsen con riferimenti alla produzione di Munch

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 INTRODUZIONE La scelta di Ibsen per la mia tesi, la definirei audace perché sinora non mi ero occupata effettivamente di Ibsen; avevo letto molti altri drammaturghi, come Shakespeare, Moliére. Ma dopo aver scoperto i suoi drammi, egli si è insinuato nella mia mente perché con Ibsen si ha una visione diversa della vita, più intima e profonda. E le donne, gli uomini, lo spazio diventano depositari di coscienze immensamente profonde ed oscure. Però non si deve pensare all‘Ibsen malamente tradotto, falsamente interpretato dagli attori di tutto il mondo che snaturavano e contorcevano i suoi poveri personaggi per fare maggiore presa su di un pubblico che prediligeva ancora il teatro borghese. Io ho percepito un altro autore, un Ibsen spietato, coraggioso, umano, sovvertitore di una società infiacchita e passiva, un poeta, che ci trasmette ancora oggi un‘emozione viva e attuale con un messaggio d'avanguardia, tanto più sconvolgente, se si pensa che intraprendeva la sua rivoluzione letteraria nell'Ottocento. Come tutti i poeti, Ibsen nei suoi drammi si è confessato; Ibsen è Osvald, è Rubek, è Borkman, è Stockmann, è Brand, è Solness, è quasi tutti i suoi eroi, ed è anche molto delle sue eroine. Il primo dramma che ho avuto la curiosità di leggere, è stato Quando noi morti ci destiamo; infatti, analizzando un‘opera munchiana, La donna in tre fasi, un critico rimandava al drammaturgo norvegese, in quanto probabilmente vi era stato un incontro tra i due artisti, ed Ibsen era rimasto conquistato da quell‘opera pittorica, tanto da esserne ispirato per la composizione del suo ultimo dramma. Fui molto interessata da questa affinità, tanto da leggere poi, pian piano ogni opera ibseniana e più procedevo con la lettura, più mi rendevo conto che i due artisti, norvegesi entrambi, avevano molto in comune.

Anteprima della Tesi di Valentina Calabrese

Anteprima della tesi: Spazio e personaggio nel teatro di Ibsen con riferimenti alla produzione di Munch, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Calabrese Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1446 click dal 26/05/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.