Skip to content

''Ilona llega con la lluvia'' e ''La mansión de Araucaíma'': dalla mano dello scrittore allo sguardo del regista

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
14 pesante» 11 racconta. Così comincia a scrivere i racconti che si intitolano Sharaya, Antes que cante el gallo, La muerte del Etratega, una prima versione de El último rostro 12 e diversi componimenti che più tardi, nel 1965 raccoglierà ne Los trabajos perdidos 13 , opera per la quale otterrà il Premio Nacional del nadaísmo per la poesia nello stesso anno. Finalmente il suo avvocato colombiano - grazie al costante interessamento del fratello Leopoldo - riesce a far annullare la causa di estradizione e Mutis viene riconosciuto non colpevole e messo in libertà agli inizi del 1961, grazie soprattutto alla caduta del governo militare di Rojas Pinilla; il processo durante il quale era stato giudicato colpevole, infatti, era legato al regime oppressivo della dittatura, alla quale Mutis è sempre stato estraneo e contrario. La raccolta Los trabajos perdidos, tradotta in italiano Le opere perdute da Martha Canfield, sarà dedicata a Carmen, la donna che lo scrittore conosce in Messico e con la quale si sposerà per la terza volta nel 1966. Carmen Miracle Feliú, di origine catalana, giovane vedova, ha già una figlia, Francine, che egli crescerà come sua. Durante quest'epoca Álvaro Mutis è considerato il miglior poeta colombiano del momento, sebbene la sua visione della letteratura e del suo paese sia già abbastanza pessimista. È importante sottolineare che la sua opera poetica, iniziata negli anni '40, non ha reale diffusione fino al 1973, anno in cui riunisce tutta la sua poesia già pubblicata fino a quella data in un unico volume intitolato Summa de Maqroll el Gaviero (1948- 1970) 14 . La sua tendenza narrativa - già presente in buona parte della poesia - si accentuerà, particolarmente nei testi di prosa delle raccolte successive: Caravansary 15 pubblicato nel 1981 e Los emisarios 16 nel 1984; con quest'ultimo libro egli chiude il ciclo poetico del personaggio Maqroll. Intanto Mutis continua a 11 M. L. Canfield, op. cit. 12 Á. Mutis, El último rostro, Siruela, Madrid, 1990. Tale edizione contiene i racconti La muerte del estratega, El último rostro, Antes de que cante el gallo e Sharaya, scorporati dall‟edizione originale di Diario de Lecumberri. 13 ID, Los trabajos perdidos, Era, México 1965, include Reseña de los Hospitales de Ultramar. 14 ID, Summa de Maqroll el Gaviero (Poesía 1948-1970), con prefazione di J.G. Cobo Borda, Barral, Barcelona 1973. 15 ID, Caravansary, Fondo de Cultura Económica, México 1981. 16 ID, Los emisarios, Fondo de Cultura Económica, México 1984.
Anteprima della tesi: ''Ilona llega con la lluvia'' e ''La mansión de Araucaíma'': dalla mano dello scrittore allo sguardo del regista, Pagina 10

Preview dalla tesi:

''Ilona llega con la lluvia'' e ''La mansión de Araucaíma'': dalla mano dello scrittore allo sguardo del regista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gilda Igneo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Traduzione letteraria e traduzione tecnico-scientifica
  Relatore: Stefano Tedeschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

metacinema
alvaro mutis
sergio cabrera
carlos mayolo
analisi del romanzo
hansa stern
ecfrasi
isotopie
la mansion de araucaima
romanzo gotico
ilona llega con la lluvia
tecniche cinematografiche
personaggi e attori
trasposizione filmica
analisi del film
traduzione intersemiotica
julio olaciregui
maqroll el gaviero
scene
analisi del racconto
racconto
romanzo
location
film

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi