Giovani in Europa, giovani per l’Europa attraverso il programma Youth in Action 2007-2013: il ruolo del volontariato e dell’educazione non formale nell’integrazione europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 Secondo il rapporto del 2007 della Banca Mondiale, World Development Report 22 , esistono tre ragioni che spiegano la difficoltà nello sviluppare politiche di successo rivolte ai giovani. La prima motivazione riguarda la necessità di un approccio che tenga conto dei differenti settori per sviluppare una strategia coerente, olistica e intersettoriale che includa altresì chiare priorità e misure per un’azione concreta. In secondo luogo, le politiche giovanili possono fallire perché i giovani, spesso non hanno voce nell’elaborazione e nell’implementazione delle politiche che li riguardano direttamente. In ultimo, il raggiungimento del successo di una politica giovanile è subordinato al fatto che tuttora esistono troppo storie di successo ed esempi di buone pratiche da seguire. 22 Banca Mondiale, World Development Report 2007, Development and the Next Generation, pp. 211-212, scaricabile dal sito http://www.worldbank.org/ (rilevato in data 16 giugno 2010).

Anteprima della Tesi di Silvia Balmas

Anteprima della tesi: Giovani in Europa, giovani per l’Europa attraverso il programma Youth in Action 2007-2013: il ruolo del volontariato e dell’educazione non formale nell’integrazione europea, Pagina 15

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvia Balmas Contatta »

Composta da 277 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2947 click dal 05/01/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.