Spettroscopia dielettrica per la caratterizzazione morfologica di eritrociti umani

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I – metodologie di misura e specifiche del problema proposto 7 La 1.2.1.1 è tutt‟oggi la più usata per la soluzione del problema inverso con le misure TDR. Le misure nel tempo non presentano alcun vantaggio rispetto alle misure in frequenza poiché il segnale viene comunque trasformato in frequenza; questa operazione introduce, inoltre, errori relativi al campionamento e al troncamento necessari per il computo della trasformata di Fourier discreta. Per questo motivo le misure nel tempo non vengono utilizzate per la nostra misura anche considerando la difficoltà della messa a punto di un‟adeguata strumentazione. 1.2.2 Le misure in guida d‟onda sfruttano per la determinazione della  sia il coefficiente di riflessione sia il coefficiente di trasmissione o il coefficiente di propagazione in guida. Quando il legame tra parametri di scattering e costante dielettrica è ottenuto tramite il coefficiente di propagazione in guida si determina una semplice espressione di legame tra costante di propagazione e permittività. Nel secondo caso (coefficiente di trasmissione o il coefficiente di propagazione in guida) si genera un sistema di equazioni non lineare la cui soluzione è abbastanza impegnativa. Entrambe le procedure hanno vantaggi e svantaggi che andremo ad analizzare in dettaglio. Con la misura del coefficiente di propagazione in guida, solitamente determinato da misure di parametri di scattering, si possono effettuare “misure differenziali” ossia misure su strutture uguali (sezione, impedenza caratteristica) ma di lunghezza differente eliminando, in questo modo, i problemi relativi all‟esatta conoscenza della geometria della struttura. Altrimenti, noti i parametri di scattering, è derivabile un‟equazione che lega il coefficiente di riflessione prodotto dal disadattamento tra materiali diversi in guida (aria e campione di misura) all‟impedenza della sezione. Il coefficiente di riflessione è funzione dei parametri di scattering e l‟impedenza è funzione della costante dielettrica incognita, perciò si ottiene un legame diretto fra parametri di scattering della struttura e costante dielettrica. L‟equazione è non lineare, pertanto una sua inversione è, in alcuni casi, complessa.

Anteprima della Tesi di Annalisa De Paolis

Anteprima della tesi: Spettroscopia dielettrica per la caratterizzazione morfologica di eritrociti umani, Pagina 9

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Annalisa De Paolis Contatta »

Composta da 243 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1192 click dal 08/06/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.