La "De Humana mente disputatio" di Simone Porzio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.1 Un autore dimenticato Il caso di Simone Porzio è quantomeno singolare nella storia della filosofia. Non tanto per il fatto, inevitabile per molti, di essere un pensatore di secondo piano, di cui si possiede una bibliografia ridottissima soprattutto riguardo all'analisi delle opere. La cosa curiosa è che l'irrilevante fortuna critica, risollevatasi in minima parte solo a partire dal settecento, contrasta con l'enorme prestigio di cui Porzio godeva in vita come filosofo, medico, docente universitario e personaggio pubblico 1 . Infatti, nella continua spola fra Pisa e Napoli che ha caratterizzato la sua vita, Porzio riuscì a tessere ottimi rapporti sia col Duca di Firenze Cosimo I Medici, sia col Viceré di Napoli don Pedro di Toledo, e persino con il pontefice. Simone Porzio nacque a Napoli nel 1497. Francesco Fiorentino lo ipotizza formatosi a Pisa; tuttavia non si hanno notizie certe riguardo alla sua carriera studentesca. Sempre grazie al fondamentale studio di Fiorentino, sappiamo per certo che egli non fu discepolo di Pietro Pomponazzi. Lo storico calabrese ha efficacemente confutato la teoria di certi studiosi settecenteschi, secondo i quali Porzio fu epigono di 1 D ANIELA C ASTELLI , Un bilancio storiografico: il caso Simone Porzio , pp. 163-165. 1

Anteprima della Tesi di Alessandro Ramerini

Anteprima della tesi: La "De Humana mente disputatio" di Simone Porzio, Pagina 2

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Ramerini Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 245 click dal 08/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.