Ciclo festivo e Comunità Ebraiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 credenze, le arti, la morale, il diritto, il costume e qualsiasi altra capacità e abitudine acquisita dall‟uomo come membro di una società>>. Una definizione, che ancora oggi, gli antropologi tengono in considerazione. Pertanto, cosi come richiamato da Tylor, non bisogna considerare la cultura come qualcosa che appartiene solo all‟altro, come si faceva nel passato quando si studiavano le popolazioni non occidentali, ma si deve anche considerare lo studio di popolazioni vicine, perché ciò contribuisce a formare il patrimonio. La cultura comprende sia elementi di ordine materiale che spirituale, sia elementi di ordine pratico che simbolico. I gruppi, gli individui che abbandonano il loro territorio di appartenenza per insediarsi in territori nuovi e lontani possono ritrovarsi in contesti chiusi dal pregiudizio. Nell‟acquisire nuove nozioni, nuove credenze e comportamenti, essi contribuiscono alla formazione di nuove unità locali, che tendono a trasformare le future generazioni, ma nello stesso tempo mantengono rapporti con il luogo d‟origine. Lo scambio di idee ed esperienze contribuisce ad aprire i confini delle comunità d‟origine, tanto che il mondo risulta essere in continuo movimento. Ci sono chiari segni di accettazione e di tolleranza verso le altre culture: essi si manifestano nel comunicare, aprire opportunità, possibilità di esprimersi, l‟organizzazione di feste e trattenimenti insieme che può portare ad un‟eccessiva accentuazione della „cultura‟, con la conseguenza negativa di rinchiudere “gli altri” in un mondo chiuso e immutabile, difficile da valicare nonostante il momento di piacevole interazione.

Anteprima della Tesi di Rosa Genovese

Anteprima della tesi: Ciclo festivo e Comunità Ebraiche, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Rosa Genovese Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 274 click dal 13/06/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.