Skip to content

Riqualificazione urbana area ALER, Quartiere Giambellino, Milano

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1. EDILIZIA POPOLARE A MILANO 13 esperimentale,maconiltentativodinonperderemaicompletamentedivistalastoriadegli errori del passato e le reali necessità della città moderna. 1.2 Dallo Iacp all’Aler Di Enrico Landoni - Dipartimento di Scienze della Storia e della Documentazione Storica - Uni- versità degli Studi di Milano L’assoluta gravità dell’emergenza abitativa si impose all’attenzione della classe politica ita- liana tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, come una delle dirette conseguenze del- l’incipiente industrializzazione del Paese e del progressivo inurbamento di sempre più consistenti settori del proletariato agricolo. Emblematico di queste travolgenti dinamiche economiche e de- mografiche fu proprio il caso di Milano, la cui popolazione residente passò dai 186.000 abitanti del 1860 ai 441.947 censiti nel 1901. [...] Le inchieste municipali condotte in questo torno di tempo a Faenza, Verona, Firenze, Raven- na, Vicenza, Venezia, Udine, Treviso e soprattutto a Milano avevano messo in piena luce la forte connessione esistente tra industrializzazione ed emergenza abitativa, individuando nel migliora- mento complessivo delle condizioni di vita dei lavoratori nelle loro case il requisito fondamentale per lo sviluppo economico della nazione. [...] Il 31 maggio 1903 la Camera approvò, infatti, il progetto di legge presentato da Luigi Luzzatti un anno prima, con il chiaro intento di agevolare la costruzione di case popolari, destinate, cioè, a tutti coloro che vivevano del loro salario e non di rendite derivanti da posizioni finanziarie o immobiliari. [...] Tale provvedimento legislativo interveniva direttamente anche sui soggetti potenzialmente coinvolti nell’edificazione di stabili di edilizia popolare, rivolgendosi soprattutto a Cooperative, Società di mutuo soccorso, Enti ed Istituti di beneficenza, Banche, Monti di Pietà e Comuni, che si sarebbero potuti consorziare per dare vita ai futuri Istituti Autonomi per le Case Popolari (IACP), dei quali, tuttavia, la legge non specificava esattamente la natura giuridica ed economica. [...] Gli IACP sarebbero diventati degli enti morali pubblici alieni da ogni scopo di lucro e con la possibilità di effettuare delle ope- razioni di credito, istituiti con il contributo diretto dei Comuni, delle Casse di Risparmio, delle Banche ed anche di semplici privati cittadini, secondo un modello organizzativo a mezzadria tra libera iniziativa privata e municipalizzazione. [...] La soluzione abitativa caratteristica della prima fase di attività dell’Istituto fu il monolocale con servizi, in grado di soddisfare la domanda prevalente, che proveniva soprattutto da lavoratori a basso reddito e in molti casi privi di un loro nucleo familiare. [...] Proseguirono, intanto, nel corso del 1920, sia il processo di riorganizzazione aziendale, che condusse all’allargamento a quindici membri del Consiglio di Amministrazione, all’interno del quale fu aumentata la rappresentanza di nomina comunale e trovarono posto gli inquilini de- legati dei neonati Consigli di Quartiere, sia l’intensa attività realizzativa, che culminò nella progettazione di nuovi complessi residenziali nei quartieri Vittoria, Genova, Magenta, Tiepolo e Pascoli, Botticelli, Friuli, Andrea Del Sarto e Monza. Iniziò così, con la pianificazione di questi fabbricati, lostudioperlacreazionediunanuovatipologiadicasapopolare, caratterizzatadalla
Anteprima della tesi: Riqualificazione urbana area ALER, Quartiere Giambellino, Milano, Pagina 2

Preview dalla tesi:

Riqualificazione urbana area ALER, Quartiere Giambellino, Milano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca De Marini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Edile e Architettura
  Relatore: Giacomo De Amicis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giambellino
orto urbano
verde urbano
orti urbani
riqualificazione
struttura
urbanistica
progetto
spazio
parco
arti
urbano
arte
metamorfosi
polo attrattore
1400
edilizia popolare
densificazione
milano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi