Il business plan. Finalità, struttura e ambiti applicativi.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Capitolo I CARATTERI GENERALI E LOGICA DI FONDO DEL BUSINESS PLAN 1.1 Cos’è un business plan Il business plan rappresenta uno strumento operativo fondamentale per gli imprenditori o i manager che gestiscono un’impresa ovvero vogliono avviare e svilupparne una nuova. Esso, in maniera organica e sistematica, esplicita tutti gli elementi che compongono qualunque progetto imprenditoriale, al fine di pianificarli, analizzarli, individuarne eventuali punti critici e valutarne tutte le possibili ricadute sia da un punto di vista qualitativo, sia da un punto di vista quantitativo 1 . Quindi, oltre ad essere un insostituibile strumento di apprendimento, questo documento consente una presentazione efficace del progetto imprenditoriale che si ha intenzione di portare avanti, in quanto permette la pianificazione e quindi l’esposizione organica dell’idea imprenditoriale e i risultati di una sua possibile implementazione 2 . In questo modo è possibile capire le potenzialità di crescita e di sviluppo di un’impresa esistente, nonché verificare la fattibilità tecnica, economica e finanziaria di una nuova attività imprenditoriale 3 . Il piano d’impresa permette di ridurre i margini di improvvisazione, favorendo la valutazione preventiva della bontà dell’idea imprenditoriale sia in termini di probabilità di sopravvivenza che di potenzialità di sviluppo. Il business plan è da intendersi come uno studio che da una parte include l’analisi del mercato, del settore e della concorrenza, e dall’altra presenta il piano sviluppato dell’azienda su come presentarsi, con quali prodotti/servizi, perseguendo quali strategie, attraverso quale organizzazione; proiettando questa visione d’insieme nel breve periodo, attraverso la quantificazione dei diversi elementi che consentano di determinare il grado di attrattività economica e fattibilità finanziaria dell’iniziativa, e nel lungo periodo, attraverso l’esplicitazione di una visione imprenditoriale chiara e coerente. 1 Bronconi G., Cavaciocchi S., Business plan: il manuale per costruire un efficace piano d’impresa, Il Sole 24 ore, Milano, 2001. 2 Del Cogliano D., Polidoro M., Il business plan nelle imprese di servizi, Franco Angeli, Milano, 2002. 3 Lo Meo R. Il piano d’impresa: primo passo per l’imprenditore, Sviluppo Italia Sicilia., 2003.

Anteprima della Tesi di Fabrizio Barbagallo

Anteprima della tesi: Il business plan. Finalità, struttura e ambiti applicativi., Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Fabrizio Barbagallo Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6280 click dal 15/06/2011.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.