Il nuovo framework sul rischio di liquidità delle banche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 INTRODUZIONE La congiuntura economica che stiamo attraversando trova le sue origini nella crisi finanziaria provocata dallo scoppio della bolla dei mutui sulle abitazioni. In seguito al rialzo dei tassi ufficiali d’interesse, varato dalla Federal Reserve nel tentativo di contenere le pressioni inflazionistiche, sul mercato immobiliare si registra una flessione, sia nelle nuove costruzioni sia nelle vendite, e la straordinaria scalata dei prezzi delle abitazioni si arresta. Il rialzo dei tassi unito ad un rallentamento ciclico dell’economia provoca una brusca impennata delle insolvenze nel settore dei mutui ipotecari. Si tratta dei cosiddetti mutui subprime, prestiti immobiliari concessi a soggetti con basso merito creditizio, una particolare categoria di tali mutui è costituita dai prestiti NINJA (no income, no job, no assets), nei quali l’unica garanzia per la banca erogatrice è data dal valore dell’immobile oggetto del mutuo. Simultaneamente all’utilizzo di tali prestiti, si diffonde il modello di intermediazione originate-to-distribute (crea e distribuisci). Tale modello ha permesso agli intermediari di cartolarizzare il credito e distribuirlo al mercato sotto forma di prodotti strutturati, asset backed securities (ABS), il cui valore è ancorato ad un pool di attività sottostanti (più o meno sicure, più o meno “pulite”) e garantito da crediti detti CDS (credit default swap). Gli intermediari che avevano acquistato titoli strutturati il cui sottostante comprendeva anche mutui subprime, sono costretti a svalutare il proprio attivo subendo un forte calo dei corsi azionari. In un quadro di accentuata integrazione dei mercati, la crisi si propaga ben presto all’Europa dove sono numerosi gli intermediari che detengono in portafoglio titoli strutturati basati su prestiti subprime. A causa della crescente percezione del rischio di controparte e dell’aumento della domanda di liquidità a fini precauzionali da parte delle banche, il mercato interbancario è sottoposto a forti tensioni: la liquidità “evapora”; le banche rifiutano di prestare i fondi in eccesso ad altri operatori bancari; il tasso overnight registra una brusca impennata.

Anteprima della Tesi di Concetta Scapellato

Anteprima della tesi: Il nuovo framework sul rischio di liquidità delle banche, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Concetta Scapellato Contatta »

Composta da 37 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2180 click dal 17/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.