Skip to content

Le dimensioni europee dell'insegnamento. Immaginare e rappresentare una nuova comunità nella scuola europea

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 seul salut par le moyen d’une renaissance de leur culture dans la liberté de l’esprit.” 10 Inoltre è importante notare che nei suoi trattati fondatori, che si possono considerare come espressioni della sua ‘identità’, l’Unione Europea e la precedente Comunità economica tendono a riferirsi a principi detti ‘universali’ come la democrazia, i diritti umani, la tolleranza e l’economia del mercato, invece di riferirsi ad una comunità storico-culturale. 11 In contrasto col linguaggio universalista di questi trattati si possono considerare varie iniziative culturali, simboliche ed educative che sono state prese dalla Commissione Europea, soprattutto fin dagli anni ottanta, nonché la retorica intorno ad esse. Nel 1983 compare il famoso libro the invention of tradition, edito da Eric Hobsbawm e Terence Ranger, e nel saggio conclusivo Hobsbawm descrive molto bene come gli stati-nazione nei secoli XIX e XX hanno cercato in vari modi di legittimare e rappresentare lo stato nazionale attraverso, tra l’altro, simboli nazionali, cerimonie pubbliche e il sistema educativo. 12 Due anni più tardi, il Consiglio dei Ministri della Comunità Europea 13 approva le proposte di un Rapporto intitolato ‘l’Europa del cittadino’ che propone di ‘aumentare il coinvolgimento dei cittadini nelle istituzioni comunitarie’ attraverso, tra l’altro, l’introduzione di una bandiera europea, l’istituzione del 9 maggio come il ‘giorno europeo’, e un ‘nuovo impulso alla dimensione europea nell’insegnamento’. 14 La prossimità delle date sarà un caso, perché si tratta dell’elaborazione di proposte considerate già prima nella Commissione Europea. La somiglianza dei contenuti è più interessante. 15 10 Citato in Réau, Elisabeth du. L'idée d'Europe au XXe siècle : des mythes aux réalités. Bruxelles: Complexe, 2008, p. 193. 11 Lacroix, Justine. L'Europe en procès: quel patriotisme au-delà des nationalismes? Paris: Cerf, 2004, p. 29. Per un’analisi più elaborata sull’argomento, si veda Franceschetto, Pablo. Le rapport entre l'Europe historique et l'Europe politique. Comment l'Union Européenne [UE] a-t-elle utilisé et utilise le passé pour définir son identité? Mémoire d'Etudes européennes. (non pubblicato) Bruxelles: Université Libre de Bruxelles, Section politique. Dir. di Jean-Marc Ferry, 2005. 12 Hobsbawm, Eric. «Mass-producing traditions: Europe, 1870-1914.» In The invention of tradition, a cura di Eric Hobsbwam e Terence Ranger, 263-307. Cambridge: Cambridge University Press, 1992. 13 Il Consiglio dei Ministri, ovvero il Consiglio Europeo, comprende i capi di governo degli stati membri dell’Unione Europea nonché il presidente della Commissione Europea. 14 Il tema dell’Europa del cittadino nella terminologia inglese si chiama ‘a people’s Europe’, mentre la terminologia in lingua francese è un po’ diversa, denominando la campagna ‘l’Europe du citoyen’.Il Rapporto è il seguente: Commission of the European Communities. «A People's Europe. Report from the ad hoc committee (Pietro Adonnino, chairman).» Bulletin of the European Communities, Supplement 07/85, 1985. 15 Il parallelismo tra le politiche descritte da Hobsbawm e quelle della Comunità europea è già stato notato da Paul Magnette, in un libro molto interessante sulla questione della cittadinanza europea.
Anteprima della tesi: Le dimensioni europee dell'insegnamento. Immaginare e rappresentare una nuova comunità nella scuola europea, Pagina 6

Indice dalla tesi:

Le dimensioni europee dell'insegnamento. Immaginare e rappresentare una nuova comunità nella scuola europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Joost Van Der Meer
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Studi europei
  Relatore: MariaSalvati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi