Profili contabili e di bilancio del prestito obbligazionario delle banche. Il caso della BCC Irpina

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo Pagina 14 trova spesso in difficoltà nel valutare la convenienza o meno nella sottoscrizione. Esse devono la loro diffusione all'evidente asimmetria infor- mativa presente fra il risparmiatore e l'emittente che è in grado di realizzare prodotti finanziari così complessi che il sottoscrittore dif- ficilmente riesce a valutarne la validità; occorre, inoltre, considerare che le obbligazioni strutturate sono emesse principalmente da ban- che, e pertanto, in forza dell'art. 100, comma 1, lett. f) del TUF, la relativa offerta al pubblico non è preceduta dalla pubblicazione di un prospetto informativo , trasmesso preventivamente alla Consob, ma l'unico documento cui l’investitore può fare riferimento al mo- mento della sottoscrizione è il foglio informativo analitico redatto secondo le prescrizioni della Banca d'Italia. Il motivo per cui la banca tende alla vendita di questo stru- mento è che incassa una commissione di collocamento che può va- riare dall'uno al tre per cento, ottenendo un guadagno superiore alla semplice commissione per l'acquisto ad esempio di un BTP. Gene- ralmente analizzando il rendimento reale di una obbligazione strut- turata con un titolo di stato di analoga scadenza si scopre che l'ob-

Anteprima della Tesi di Elena Pezzella

Anteprima della tesi: Profili contabili e di bilancio del prestito obbligazionario delle banche. Il caso della BCC Irpina, Pagina 15

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Elena Pezzella Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 606 click dal 01/08/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.