I benefici della pianificazione finanziaria per le PMI nell' accesso al credito bancario: analisi empirica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1- La funzione finanziaria nell’impresa 7 Vengono evidenziati nella letteratura anglosassone, la quale propone questa visione, alcuni limiti delle scelte aziendali centrate sull’approccio del managerial finance science: a. influenzati dalle tendenze di borsa, i manager prediligono decisioni che permettono di ottenere risultati favorevoli nel breve periodo (short termism 7 ); b. non considera gli interessi degli altri stakeholder dell’impresa (dipendenti, fornitori, comunità di riferimento). Bisogna evidenziare un vantaggio di questo approccio costituito dal fatto che permette di verificare la razionalità delle scelte finanziarie attraverso modelli che considerano dimensioni, quali il rischio e il valore finanziario del tempo, oltre alla tradizionale informativa contabile. Dopo l’analisi di queste interpretazioni, si può affermare che due tra i piø importanti obiettivi della funzione finanziaria sono: a. la gestione del rapporto Debt/Equity per garantire la miglior copertura finanziaria del capitale investito netto operativo; b. la gestione dei rischi finanziari (Risk management) allo scopo di ottimizzare gli oneri e proventi finanziari. In generale i compiti di questa funzione possono essere classificati in tre gruppi: 1. compiti di gestione diretta; 2. compiti di controllo finanziario; 3. compiti misti. Nel primo gruppo si inseriscono quei compiti collegati a decisioni della sola funzione finanziaria, come ad esempio la gestione delle fonti esterne, la gestione della tesoreria, la gestione degli investimenti finanziari. Nel secondo gruppo si inseriscono quei compiti relativi alla valutazione della funzione finanziaria sulle decisioni di altre funzioni che hanno delle conseguenze sulle risorse di capitale, come ad esempio le decisioni di 7 Porter M. (1992) afferma che il sistema finanziario statunitense è strutturalmente debole nel sostenere la competitività a lungo termine dell’imprese. La visione a breve termine dei mercati finanziari favorirebbe l’orientamento degli obiettivi dei manager verso il breve periodo.

Anteprima della Tesi di Matteo Givogre

Anteprima della tesi: I benefici della pianificazione finanziaria per le PMI nell' accesso al credito bancario: analisi empirica, Pagina 12

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Givogre Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2392 click dal 22/06/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.