''Ciapaiev'' tra l'Unione Sovietica e l'Occidente

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Stalin dello scrittore come “ingegnere delle anime umane” definendolo come colui che sta con entrambi i piedi sul terreno della vita reale, che attinge il suo materiale dalla vita di operai, colcosiani, funzionari di partito ed eroi della Rivoluzione. L'istituzionalizzazione del realismo socialista come linea ufficiale del Partito non indicava un metodo formale da seguire, ma imponeva genericamente dei contenuti. Il discorso non fu evidentemente limitato alla letteratura, ma esteso alla totalità delle arti. Sotto l'etichetta di “realismo socialista” furono raggruppate quelle opere che descrivevano la realtà vista nel suo sviluppo rivoluzionario, capace di educare i lavoratori nello spirito del socialismo. Compito dell'arte era dunque partecipare attivamente alla costruzione del socialismo mediante l'educazione delle masse dei lavoratori. In questo contesto culturale, di rottura totale con le avanguardie degli anni '20 e di affermazione del realismo socialista, si situa il film Ciapaiev. I registi erano stati allievi di Ejzenštejn, ma la trama è lineare e le grandi prove di montaggio presenti nel film sono funzionali alla narrazione, non hanno nulla di simbolico o di intellettualistico. Il personaggio di Čapaev risponde perfettamente all'esigenza, fortemente avvertita, della creazione di un eroe in cui il popolo potesse identificarsi. Per questi motivi il film piacque ai vertici del partito, che lo proposero come un modello da seguire. Lo stesso Ejzenštejn individuò in Ciapaiev la sintesi più alta del nuovo corso del cinema sovietico: nel 1935, in occasione della I Assemblea dei Lavoratori del Cinema Sovietico, il grande regista lodò i suoi ex allievi come coloro che avevano saputo unire lo stile poetico delle avanguardie alla semplicità della forma tipica dei primi anni '30, inaugurando un terzo periodo nel corso del cinema sovietico. Fu invece proprio la glorificazione di Ciapaiev a determinare l'inizio della sclerotizzazione. Quelli che nel film dei Vasil'ev erano stati elementi spontanei e naturali, inseriti in un 5

Anteprima della Tesi di Martina Marilena Buldorini

Anteprima della tesi: ''Ciapaiev'' tra l'Unione Sovietica e l'Occidente, Pagina 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Martina Marilena Buldorini Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 632 click dal 23/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.