Skip to content

Gli investimenti Eni in Congo Brazzaville: trade-off tra profitti e protezione dell'ambiente e della società civile

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 2 Il paradosso della ricchezza petrolifera 28 sostituto e della peculiarità di aver un processo produttivo diverso dal settore manifatturiero domestico 5 . Nei paesi esportatori di petrolio la rendita che lo stato riceve dalle industrie estrattive è molto elevata ed è il fattore trainante di tutta l’economia. Per questo motivo, il governo può trarre risorse straordinarie nella sua attività di rent seeking senza dover sostenere alcun investimento addizionale [Karl 1997, p.15]. I leader nazionali dei paesi ricchi di risorse naturali sembrano preferire “l’uovo oggi piuttosto che la gallina domani”. Questa attitudine li induce a trattare le risorse naturali come un bene (Asset) da cui ricavare nel più breve tempo possibile tutta la ricchezza, trascurando prospettive di ulteriore sviluppo, per esempio, investendo nei mercati finanziari al fine di guadagnare in futuro interessi [Humphreys et al 2007, pp. 8 - 9]. Controcorrente è, a questo proposito, il caso del fondo sovrano norvegese (Government Pension Fund of Norway) 6 in cui il surplus di ricchezza petrolifera viene depositato per l’investimento nei mercati finanziari esteri [Norges Bank 2010]. Il diffuso sentimento di spreco è associato alla dinamica economica del tragedy of the commons 7 , che descrive come la vorace concorrenza nello sfruttare la risorsa 5 «The significance of its role leads to a relatively inelastic demand, which, when combined with the small number and large size of resource owners, the high entry costs into the industry, and the difficulties inherent in energy substitution, produces extraordinary rents with a distinctive character: they have almost nothing to do with the productive processes of the domestic economy» (Hughes 1975, Davis 1983, Gelb 1986) [Karl 1997, p.48]. 6 Il fondo non è in realtà un fondo pensione, sebbene il rendimento possa garantire i piani pensionistici futuri. La gestione del fondo è affidata dal Ministero delle Finanze, che ne definisce la strategia, alla banca d’investimento Norges. L’investimento avviene in strumenti finanziari internazionali, coerenti con il codice etico del fondo [SWF 2009]. 7 Il termine tragedy of the commons è stato coniato da Garrett nel 1968 per descrivere quanto le risorse naturali (common pool resources) siano difficili da gestire in modo sostenibile quando appartengono a più proprietari (o meglio quando l’accesso è libero e non è regolato), ognuno dei quali, perseguendo razionalmente e liberamente la massimizzazione del suo proprio interesse, porta a distruzione accelerata la risorsa disponibile in quantità limitata. Qui il concetto di bene comune va distinto dal concetto di bene pubblico che gode dei principi di non rivalità e di non esclusione (tutti beneficiano del servizio del bene pubblico senza diminuirne la quantità e la qualità altrui). Al contrario, il bene di comune proprietà (common pool resources)è un bene che ha la caratteristica di essere sottratto, sovrausato e ad accesso libero [De Young 1999]. Garrett illustra questo dilemma prendendo ad esempio un pascolo aperto a tutti i pastori per fare pascolare il proprio bestiame. In un contesto di stabilità sociale tutti i pastori saranno motivati dal profitto marginale individuale ottenuto da ogni capo di bestiame addizionale nel pascolo. Così facendo ogni pastore è imprigionato in un sistema che lo obbliga a incrementare senza limiti il suo bestiame in un pascolo limitato nello spazio, poiché il costo del degrado di un animale addizionale è minore del profitto addizionale ottenuto. Ogni capo di bestiame procura un beneficio al suo proprietario e contemporaneamente un danno agli altri pastori. La dinamica porta alla rovina del pascolo,
Anteprima della tesi: Gli investimenti Eni in Congo Brazzaville: trade-off tra profitti e protezione dell'ambiente e della società civile, Pagina 6

Preview dalla tesi:

Gli investimenti Eni in Congo Brazzaville: trade-off tra profitti e protezione dell'ambiente e della società civile

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Aristide Michel Kwemeni Lapa
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Pippo Ranci Ortigosa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

energia non convenzionale
maledizione delle risorse
eni
sabbie bituminose
resource curse
tar sands
energia
congo
brazzaville

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi