; Skip to content

Erudizione e religione. Angelo Maria Querini e il respiro dell'Europa

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
17 Quell’ambito che, come s’è affermato più sopra, sarebbe stato dominato per quasi tre decenni, dal 1727 alla morte, giunta nel 1755, da Querini. Ci si scuserà, perciò, se in più occasioni ci permetteremo di allargare il nostro sguardo anche oltre i meri limiti cronologici formalmente imposti da questo studio, anticipando momenti e figure che l’allora cardinale avrebbe incontrato al suo ritorno. Crediamo però che questo sia opportuno per comprendere come anche una piccola città (35000 abitanti, nel nucleo cittadino, nel 1682), considerata spesso periferica rispetto ai grandi movimenti intellettuali, fosse invece ad essi interessata e vi prendesse parte con una quantitativamente modesta, ma qualitativamente intensa attività. Un quadro mosso. La cultura a Brescia tra Sei e Settecento In questo senso, grande rilevanza ebbero, da un lato le accademie e alcune personalità di respiro nazionale, dall’altro i collegi, le scuole e le altre istituzioni educative rette da differenti esponenti del clero 14 . Quel notevole fenomeno di livello europeo che fu, tra il Cinque ed il Seicento, la nascita delle accademie coinvolse anche Brescia, dando vita ad una fervida attività culturale. Ma lo spazio accademico, pressoché sempre privato e riservato a pochi intimi, poteva condurre, in un territorio di confine all’interno dei domini veneti, socialmente ed economicamente dominato da un riottoso ceto nobiliare locale, a delle rivendicazioni d’autonomia sgradite al governo della Repubblica. Come accadde in altri stati, perciò, le autorità politiche intervennero allo scopo di dirigerne lo sviluppo a fini prettamente propagandistici 15 . Tra il XVI ed il XVII secolo, ad esempio, un’accademia come quella degli Occulti, si era fatta promotrice – come mostra l’adozione del motto «Intus non Extra», affiancato dall’immagine dei Sileni di Alcibiade – di un accostamento analitico verso il mondo circostante di stampo propriamente ermetico ficiano. Questo suo carattere le aveva procurato l’accusa di eterodossia e numerose azioni giudiziarie, promosse sia dal potere civile che da quello ecclesiastico, dalle quali era uscita tanto deformata e indebolita, da essere costretta a terminare ogni attività entro pochi anni, 14 Per l’ambiente culturale della Brescia dei secoli XVII-XVIII si vedano L. PICCINELLI, Storia della coltura bresciana, Istituto Pavoni, Brescia, 1917; L. A. BIGLIONE DI VIARIGI, La cultura nei secoli XVII e XVIII, in Storia di Brescia, a cura di G. Treccani Degli Alfieri, 4 voll., III: La dominazione veneta. 1576-1797, Brescia, Morcelliana, 1964, pp. 232- 282; Mille anni di letteratura bresciana, a cura di L. A. Biglione di Viarigi e P. Gibellini, 2 voll., I: Dalle origini al Settecento, Brescia, Associazione amici di Lino Poisa onlus, 2004. 15 Cfr. G. BENZONI, Aspetti della cultura urbana nella società veneta del Cinque-Seicento. Le Accademie, «Archivio veneto», CVIII (1977), pp. 87-159; E. SELMI, Cultura e produzione letteraria a Brescia nel Settecento, in Brescia nel Settecento, a cura di I. Gianfranceschi Vettori, Brescia, Maialini, 1985, pp. 123-153.
Anteprima della tesi: Erudizione e religione. Angelo Maria Querini e il respiro dell'Europa, Pagina 14

Preview dalla tesi:

Erudizione e religione. Angelo Maria Querini e il respiro dell'Europa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Busi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia e documentazione storica
  Relatore: Silvia Maria Pizzetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 514

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

benedettini
querini angelo maria
gesuiti
giansenismo
firenze-xviii secolo
province unite-xviii secolo
italia-xviii secolo
europa-xviii secolo
brescia-xviii secolo
religione
unigenitus
venezia-xviii secolo
voyage littéraire
viaggio
maurini
repubblica delle lettere
inghilterra-xviii secolo
erudizione
francia-xviii secolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi