Skip to content

Studio di pesi in vetro di epoca fatimide mediante microspettroscopia di fluorescenza di raggi X

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Fatimidi riuscirono a conquistare il meridione e il centro della Siria, ivi compresa Gerusalemme e Damasco, ma nulla o quasi poterono per quanto riguardava il set- tentrione siriano e la regione della Jazirah che inglobava all'epoca città oggi ospitate da nazioni diverse, dalla Aleppo siriana, alla Mossul irachena, alla Harran turca. Si successero diversi Imam alla guida della popolazione fatimide, a partire da Ma’ad al-Mu’izz che regnò dal 952 al 975, per proseguire con al-‘ Aziz, che governò dal 975 al 996. Dal 996 fino al 1020, quando morì assassinato, regnò al-Hakim, la cui poli- tica ebbe riflessi importanti nell'intero sviluppo storico e culturale del Mar Medi- terraneo perché, se pure meritevole di ricordo per aver sovvenzionato nel 1005 al Cairo la costruzione di una Dar al-Hikma (Casa della Conoscenza) che fu arricchita di oltre 600.000 volumi, nella sua intollerante politica espressa nei confronti dei suoi sudditi musulmani, ebrei e cristiani, al-Hakim volle distruggere nel 1009 la Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme, inducendo i pellegrini (per lo più cri- stiani orientali) che vi si recavano a sospendere per un certo numero di anni l'espres- sione della loro fede in quella Città Santa. La sua malvagità si manifestò anche contro la stessa città vecchia di Fustat data alle fiamme dall'Imam per punire i sudditi musulmani della circolazione di libelli a lui ostili. Dopo la morte di al-Hakim salì al potere Ali al-Dahir che cedette il regno nel 1035 a al-Mustansir (1035-1094). Durante il suo quasi sessantennale regno, la popola- zione andò incontro ad un progressivo degrado, con carestie molto lunghe e la peste che colpì la capitale. Successivamente governarono al-Musta’li (1094-1101) e al- ‘ Amir (1101-1130) che perse irrimediabilmente Tripoli, Sidone e Tiro. L’assassinio di al-Amir aprì una grave crisi che permise alla popolazione di prendere consape- volezza della fine ormai vicina del califfato fatimide e le molte questioni sorte in- torno alla successione dell’Imam ne sono un esempio. Dopo violente lotte intestine, il successore designato fu al-Hafidi che regnò dal 1130 al 1149. Alla sua morte, il potere fu preso dal diciassettenne al-Zafir nel 1149, ma nel 1154 il califfo cadde per mano di un comandante di piazza che fece sa- lire al potere il figlioletto di cinque anni al- Faiz (1154-1160) che, morto anch’egli assassinato, fu succeduto dal cugino al-‘ Adid nel 1160 e che morì nel 1171. L'arrivo dei Crociati in Siria e in Palestina dette il colpo finale alla dinastia: la palese fra- gilità del califfato aveva convinto il re Alma- rico I di Gerusalemme a impossessarsi dei 15 Figura 1.6. Miniatura di Saladino
Anteprima della tesi: Studio di pesi in vetro di epoca fatimide mediante microspettroscopia di fluorescenza di raggi X, Pagina 10

Preview dalla tesi:

Studio di pesi in vetro di epoca fatimide mediante microspettroscopia di fluorescenza di raggi X

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Lovera
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Conservazione e restauro del patrimonio storico-artistico
  Relatore: Piero Mirti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pesi vetro
glass
islamic
micro xrf
weights
vetro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi