Skip to content

Analisi degli effetti di un incendio in galleria tramite l'utilizzazione di un software specifico

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
47 Infatti, prima che i servizi di emergenza e di soccorso abbiano avuto il tempo di arrivare, gli utenti sono soli nel tunnel. Il loro comportamento, dunque, in particolare la loro reattività nei primi minuti dopo l'evento iniziale, è un fattore importante della sicurezza. Questo comportamento, sebbene non sia noto, può comunque essere ipotizzato tramite software di simulazione, che sulla base di alcune informazioni riguardo a quale sia l’utenza tipica che si trova a circolare nella galleria, riesce a costruire un modello di evacuazione, se non certo, comunque altamente probabile. Nel nostro studio non ci occuperemo della simulazione del processo di evacuazione degli utenti della galleria stradale, anche perché risulta essere un lavoro molto complesso. Tuttavia interverremo sulle attrezzature, che hanno –sul comportamento in condizioni d’emergenza dell’utente- un peso notevole. Le attrezzature luminose quali luci e segnalazioni, infatti, sono importanti per guidare l'utente in difficoltà, mentre le attrezzature di ventilazione sono importanti per ridurre fumi, calore e sostanze tossiche che minacciano la sicurezza dell’utente. Per quanto riguarda la sicurezza legata all’infrastruttura, invece, occorre intendere da una parte le caratteristiche geometriche, e dall’altra tutte le attrezzature tecniche (alimentazione elettrica, illuminazione, ventilazione, radio-comunicazione, segnalazioni, ecc) della galleria. In questo caso non ci sono possibilità di prevedere con precisione come si comporteranno –dal punto di vista della resistenza- la struttura e le attrezzature in caso di incendio, perché anche ammesso che se ne conoscano alla perfezione tutte le caratteristiche -quali soprattutto la temperatura a cui possono essere esposte- e che al di sotto di questa esse funzionino perfettamente, nulla sappiamo delle caratteristiche dell’incendio che si svilupperà. In altre parole, escludendo qualsiasi altro tipo di possibile guasto, se anche struttura e attrezzature sono state progettate per resistere a temperature altissime, non si hanno garanzie che queste temperature non vengano raggiunte nel corso dell’incendio, e che quindi struttura e attrezzature non si rovinino. Possiamo dunque concludere che, nell’uno (struttura) e nell’altro caso (attrezzature), garantire la sicurezza è assai complesso. Infine, per quanto riguarda la capacità dell'operatore di utilizzare correttamente le attrezzature a sua disposizione, si può concludere che –affinché questo avvenga- il monitoraggio continuo e la manutenzione si rivelano due strumenti basilari. Il primo, infatti, fa sì che –quasi in tempo reale- l’operatore sia informato riguardo alla situazione presente nella galleria, e possa quindi attuare il miglior provvedimento possibile per garantire la sicurezza: indurre l’utente a comportarsi nel modo più appropriato, allertare i servizi di emergenza, gestire il lavoro sulle attrezzature a sua disposizione (chiusura del tunnel, la messa in funzione della ventilazione, ecc.) e far scattare il team specializzato per gli interventi di emergenza in loco; la seconda, invece, permette di avere a disposizione attrezzature efficienti e funzionanti, necessarie per mettere in atto il provvedimento di sicurezza scelto. Il presente elaborato non affronta tutte quante queste problematiche, le quali sono assai troppo complesse per poter essere analizzate in un’unica trattazione. Esso, dunque, focalizza l'attenzione solo sullo studio aeraulico dell'andamento di fumi e temperatura qualora nella galleria stradale o ferroviaria si sviluppi un incendio. Di conseguenza si studieranno soltanto gli effetti del fumo e delle sostanze tossiche sulla salute e la sicurezza degli utenti (rischio numero 1), trascurando invece il problema relativo al possibile malfunzionamento delle attrezzature a causa della presenza dell’incendio (rischi numero 2 e 3). Una volta fatto questo ci proponiamo di intervenire unicamente sulle attrezzature di ventilazione per mitigare o eliminare i disagi e gli effetti provocati, mettendo perciò da parte questioni relative al comportamento degli utenti o al monitoraggio e alla manutenzione della galleria.
Anteprima della tesi: Analisi degli effetti di un incendio in galleria tramite l'utilizzazione di un software specifico, Pagina 11

Preview dalla tesi:

Analisi degli effetti di un incendio in galleria tramite l'utilizzazione di un software specifico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alice Quaglia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Lorenzo Domenichini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 194

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sicurezza
danno
software
rischio
simulazione
normativa
ferroviario
temperatura
galleria
incendio
utenti
fumi
infrastruttura
stradale
macchinario
sostanze tossiche
attrezzatura
andamento aeraulico
iso 13571
camatt
progettuale
prestazionale
col di tenda
via di fuga

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi