Utilizzo del silicio nella fisica delle alte energie: ingegnerizzazione e costruzione del calorimetro QcalT

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VI Nel secondo capitolo, si è studiata e descritta la macchina acceleratrice DAΦNE. Si è studiato il rivelatore KLOE e tutte le sue principali parti interne tra cui: la camera a deriva, calorimetro elettromagnetico e il QCAL, quest’ultimo sarà sostituito dal QcalT. Ampio spazio viene dato all’elaborato KLOE-2 introducendo l’apparato che costituisce il nuovo calorimetro QcalT. Infine si è fatta una recensione/comparazione tra il QCAL e il QcalT andando ad analizzare anche i vantaggi economici. Nel terzo capitolo, si sono spiegate tutte le soluzioni ingegneristiche adoperate per la realizzazione del QcalT. In particolare si è analizzata e studiata la struttura meccanica del calorimetro; abbiamo studiato dal punto di vista fisico /chimico il tungsteno il quale è stato utilizzato come materiale schermante. Altresì, si sono approfonditi e descritti i meccanismi di lavorazione delle tile partendo dalla fase di produzione della casa costruttrice sino alla verniciatura finale con vernice al titanio. Infine si è descritto come e con quali soluzioni ingegneristico- meccaniche avviene l’assemblaggio del calorimetro. Nel quarto capitolo, si sono fornite le generalità sui SiPM. Dapprima si sono fornite le specifiche di un fotodiodo in particolare: il fotodiodo P-I- N, a valanga in regime lineare e in Geiger Mode. Si è analizzata e studiata la PDE. Infine si sono studiate e descritte le generalità sui SiPM di due case produttrici Hamamatsu e IRST mettendo in luce le loro geometrie e come sono meccanicamente costruiti. Il quinto capitolo è stato dedicato interamente ai test effettuati in laboratorio. Anzitutto si sono descritti la strumentazione utilizzata e i SiPM che abbiamo sottoposto al nostro studio. All’interno del capitolo sono stati inseriti degli SCAN in HV per mettere in luce le differenze tra i due componenti sopramenzionati. Tali test sono serviti per ricavare il guadagno del SiPM sfruttando la Dark Noise e misurando le variazioni di

Anteprima della Tesi di Dario Stranieri

Anteprima della tesi: Utilizzo del silicio nella fisica delle alte energie: ingegnerizzazione e costruzione del calorimetro QcalT, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Dario Stranieri Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 627 click dal 19/10/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.