Gli askoi ad anello tardo-villanoviani ed orientalizzanti dell'Italia centrale tirrenica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Capitolo I Storia degli studi e delle scoperte archeologiche La tipologia dell’askos ad anello, finora, è stata esaminata dalla letteratura archeologica solo marginalmente, in occasione di studi a carattere generale. Sia che si trattasse di classi ceramiche o che si analizzassero specifici apparati figurativi e stili ornamentali, gli askoi ad anello sono sempre stati citati in rare annotazioni, solitamente in occasione di articoli sulle produzioni ceramiche di particolari centri etruschi. Le prime pubblicazioni di askoi anulari risalgono alla fine dell’800 e agli inizi del ‘900, grazie ai cataloghi redatti da Pottier 1 , Montelius 2 , Sjeveking- Hackl 3 , Gabrici 4 , Mingazzini 5 e Bernabò Brea 6 , che per diverso tempo costituiscono i modelli di confronto per gli studi successivi. Al 1929, quando l’Etruscologia era in fase di organizzazione come disciplina specifica, risale un saggio di Pedro Bosh-Gimpera 7 che tratta dei rapporti nel Mediterraneo del XII secolo a. C. L’autore, prendendo in esame alcune specifiche tipologie vascolari, cita gli askoi villanoviani di Vetulonia in qualità di materiali locali associati a prodotti importati dall’Egeo orientale. In particolare, l’analisi del Bosh-Gimpera si sofferma sulla presenza di genti dell’Asia Minore che si inserirono nei traffici commerciali del Mediterraneo occidentale alla ricerca di metalli e che, una volta stanziatesi nelle regioni costiere, ne influenzarono la cultura materiale. Tra queste, in particolare, la Sardegna e l’Italia centrale tirrenica, dal IX secolo a. C., mostrerebbero elementi orientali impossibili a spiegarsi come evoluzioni della cultura materiale indigena dell’età del Bronzo. Si tratterebbe di forme antiche originarie dell’Asia Minore che sarebbero sopravvissute a Rodi e a Cipro nel periodo di passaggio tra l’epoca micenea ed il periodo geometrico. 1 POTTIER 1899. 2 MONTELIUS 1910. 3 SJEVEKING – HACKL 1912. 4 GABRICI 1913. 5 MINGAZZINI 1930. 6 BERNABÒ BREA 1942. 7 BOSH-GIMPERA 1929, p.9 e ss.

Anteprima della Tesi di Silvia La Rocca

Anteprima della tesi: Gli askoi ad anello tardo-villanoviani ed orientalizzanti dell'Italia centrale tirrenica, Pagina 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Silvia La Rocca Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 440 click dal 26/10/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.