Il ''fair use'': l'utilizzo equo nella fruizione delle opere dell'ingegno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo Panoramica sul diritto d’autore: tanti scenari differenti La proprietà intellettuale è uno degli ambiti in cui maggiormente si assiste a un progressivo venir meno dei confini normativi territoriali e a una sempre crescente internazionalizzazione degli interessi legati alle opere dell’ingegno. Nel quadro italiano, per esempio, la normativa dedicata al diritto d’autore deriva, in buona parte, da fonti sovranazionali: è soprattutto il legislatore comunitario ad intervenire nella definizione dell’assetto di tale disciplina giuridica. È quindi buona norma distinguere con precisione gli argomenti di cui si sta trattando, dal momento che sono infinite le sfumature che differenziano i vari ordinamenti, a partire dalle disuguaglianze tra quello americano e quello italiano. Il diritto d’autore è un diritto della persona e come tale riconosce e tutela l’espressione della persona “autore”. Il suo principale obiettivo è, o meglio, dovrebbe essere quello di “incentivare la creatività ed evitare che si inaridisca”. 7 La parola chiave è “informazione”. Le analisi della proprietà intellettuale, a partire dagli aspetti di carattere economico, prendono le mosse da un ragionamento a proposito del concetto di informazione. L’informazione è un bene immateriale e l’immaterialità rende le risorse informative fisicamente indelimitabili, nonché utilizzabili da molteplici soggetti contemporaneamente. Senza un intervento ad hoc dello stato o di un altro organo di controllo si verificherebbe il fallimento del mercato. Onde evitare il tracollo si è optato per istituire un sistema di monopoly rights (o property rights), cioè diritti monopolistici che conferiscono benefici ai titolari e, allo stesso tempo, impongono costi alla collettività. L’idea di fondo, che si avrà modo di approfondire di seguito, consiste nel rendere esclusiva la forma di espressione dell’idea creativa; si è venuto quindi a creare un mercato “artificiale” (non naturale) di diritti per la soddisfazione dell’interesse pubblico e privato. “Nel momento della nascita dei moderni sistemi di tutela giuridica 7 7 M. Scialdone in “Copydoc - Il copyright sulla cultura”, Lilik, 2009

Anteprima della Tesi di Alessandro Vettor

Anteprima della tesi: Il ''fair use'': l'utilizzo equo nella fruizione delle opere dell'ingegno, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Vettor Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 713 click dal 30/10/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.