Il ''fair use'': l'utilizzo equo nella fruizione delle opere dell'ingegno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Si rischia in modo sempre più evidente che l’accesso alla cultura sia imbrigliato in un sistema burocratico, giuridico e sociale che lo ostacola, piuttosto che favorirlo. Il diritto d’autore ha tutte le potenzialità per essere uno strumento giuridico efficace, in grado di perseguire un obiettivo socialmente desiderabile come l’accrescimento della produzione culturale: molto spesso queste potenzialità non vengono sfruttate al meglio. La sfida che l’era digitale rivolge ai modelli tradizionali di tutela del diritto d’autore si sostanzia in tre aspetti: • l’estrema facilità di riproduzione delle opere • l’impossibilità di distinguere la copia dall’originale sul piano qualitativo • la facilità di distribuzione delle opere 1.1.1 Il DMCA Il Digital copyright disegnato dal Congresso statunitense rappresenta il modello normativo dominante a livello mondiale. Il carattere sempre più internazionale degli interessi legati alla proprietà intellettuale ha portato, negli anni Novanta, ad una fase di convenzione internazionale che ha previsto la stesura di alcuni importanti trattati: alle fondamentali Convenzione di Berna (da ultimo modificata nel 1979) e Universal Copyright Convention (1971), si sono aggiunti il Trade-related Aspects of Intellectual Property Rights (TRIPs), del 1994 e i trattati dell’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale 15 (WIPO), il WIPO Copyright Treaty (WCT) e il WIPO Performances and Phonograms Treaty (WPPT), approvati nel 1996 da tutti i 127 paesi aderenti all’organizzazione. Come per l’Italia il testo fondamentale su cui si basa e da cui si sviluppa il complesso della proprietà intellettuale è la “Legge sul diritto d’autore” 16 , per l’ordinamento statunitense è il Digital Millennium Copyright Act 17 . Si tratta di una legge del 1998, approvata con voto unanime del Senato degli Stati Uniti e controfirmata dal Presidente Bill Clinton, che rende illegali la produzione e la divulgazione di tecnologie, strumenti o 11 15 WIPO, World Intellectual Property Organization 16 Legge 22 aprile 1941 n. 633: “Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio” 17 Acr. DMCA

Anteprima della Tesi di Alessandro Vettor

Anteprima della tesi: Il ''fair use'': l'utilizzo equo nella fruizione delle opere dell'ingegno, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Vettor Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 713 click dal 30/10/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.