Skip to content

La Costituzione del 3 maggio 1791. Evoluzione e rivoluzione in Polonia alla fine del XVIII secolo.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Re era sottoponibile a giudizio e la sua persona non godeva dell’inviolabilità, contrariamente a quanto stabilito in altre monarchie europee della stessa epoca. Era teoricamente eleggibile ogni polacco appartenente alla szlachta anche se di origini non polacche. Alla morte di un sovrano la reggenza passava al Vescovo di Gnieżno - Primate di Polonia - cui stava convocare il Sejm elekcyjny 8 che, composto con le stesse modalità del Sejm generale (Sejm zwyczajny), eleggeva il nuovo sovrano scegliendolo da una lista di candidati precedentemente compilata. Il re eletto tuttavia non entrava ancora nel pieno delle sue funzioni: doveva infatti trascorrere un periodo di valutazione durante il quale la nobiltà si riservava la possibilità di non confermare il sovrano in caso di manifesta incompetenza o inadempienza. Una volta trascorso il periodo di valutazione, veniva convocato il Sejm koronacyjny 9 che confermava la precedente scelta; a questo punto il Primate di Polonia incoronava il nuovo sovrano nella cattedrale di San Giovanni a Varsavia e, proprio al momento dell’incoronazione, il re giurava fedeltà ai Pacta 10 . Il periodo di valutazione fra elezione e incoronazione per Stanisław August Poniatowski durò poco più di due mesi 11 . Il Senato era la camera alta della Repubblica ed era composto dai ministri 12 , dai vescovi, dai palatini e dai principali castellani per un totale (secondo le osservazioni di Forst-Battaglia 13 ) di 153 senatori. Ministri, palatini (detti anche voivodi) e castellani erano nominati a vita dal sovrano; tale nomina era revocabile solo per disdetta. La Camera dei Nunzi era composta dai nobili eletti dai Sejmiki locali per un totale variabile, sempre secondo Forst-Battaglia, fra i 220 e 236 deputati. Tutte le deliberazioni richiedevano il voto all’unanimità. Ad ogni convocazione del Sejm, i Sejmiki eleggevano i loro rappresentanti da mandare a Varsavia o alternativamente a Grodno con mandato per quella sola assemblea; erano eleggibili alla Camera tutti i polacchi appartenenti alla szlachta non senatori e dotati di pieni diritti, cioè né sospesi né minorati. Ogni nunzio riceveva dalla propria assemblea d’elezione una “istruzione” da rispettare al Sejm generale, era cioè vincolato nelle votazioni al rispetto delle opinioni precedentemente espresse dall’assemblea locale in merito a tutte le questioni affrontate. Il vincolo di mandato imperativo non sarebbe stato il peggiore dei mali 8 “Sejm di elezione”. 9 “Sejm d’incoronazione”. 10 Cfr. Gieysztor, Aleksander, op.cit. e per approfondimento Bałuk, T. Sir Robert Filmer’s Description of the Polish Constitutional System in the Seventeenth Century, in “The Slavonic and East European Review”, vol.62, n.2, aprile 1984. Modern Humanities Research Association. 11 AAVV, Chronologia Polska, a cura di Bronisław Włodarski, Varsavia, Instytut Historii Polskiej Akademii Nauk, Państwowe Wydawnictwo Naukowe, 1957. 12 Il numero dei ministri era variabile, solitamente se ne contavano 10 fra i quali i quattro principali sopra citati. Vedi Forst-Battaglia, Otto, Poniatowski, l’ultimo Re di Polonia, (trad. italiana Milano, Edizioni Corbaccio, 1930). 13 Ivi.
Anteprima della tesi: La Costituzione del 3 maggio 1791. Evoluzione e rivoluzione in Polonia alla fine del XVIII secolo., Pagina 7

Preview dalla tesi:

La Costituzione del 3 maggio 1791. Evoluzione e rivoluzione in Polonia alla fine del XVIII secolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Bencini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Studi Internazionali
  Relatore: Sandra Cavallucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costituzione
polonia
rousseau
res publica
diritto polacco
storia della polonia
varsavia
3 maggio 1791
costituzione del 3 maggio
polonia-lituania
confederazione polacco-lituana
szlachta
sejm
stanislao augusto
poniatowski
kollataj
mably
scipione piattoli
caterina ii
storia polacca
diplomazia polacca
spartizioni
danzica
nobiltà polacca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi