L'analisi di bilancio come strumento di valutazione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo: un caso operativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Capitolo 1 – Licenziamento per giustificato motivo oggettivo In questo primo capitolo dell’elaborato si affronta il tema del licenziamento per giustificato motivo e le relative tutele in capo al lavoratore licenziato, al fine di permettere una migliore contestualizzazione del tema oggetto del presente lavoro. Si precisa come l’obiettivo di questa prima parte del lavoro, non sia quello di una approfondita disanima del tema giuslavoristico, quanto quello di fornire gli strumenti necessari al lettore, per una migliore comprensione di quanto esposto successivamente, in special modo all’interno del caso operativo. 1.1 Nozione di giustificato motivo oggettivo Il licenziamento individuale per “motivi economici” rientra nella categoria del recesso per giustificato motivo oggettivo che viene definito ai sensi dell’art. 3 della l. n. 604/1966 come licenziamento per “ragioni inerenti alla attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa”. Si distingue da questa fattispecie l’altra tipologia di licenziamento quella legata a ragioni “soggettive” collegate alla condotta del lavoratore, che assumono carattere disciplinarmente rilevante (giusta causa e giustificato motivo soggettivo). Il legislatore pare voler raggruppare i motivi oggettivi in tre tipologie, anche se nessuna conseguenza dal loro incasellamento risulta discernere il confine tra le ipotesi legali. Risulta più utile la bipartizione operata dalla dottrina e dalla giurisprudenza che distinguono le prime due fattispecie (ragioni inerenti all’attività produttiva e all’organizzazione del lavoro) dalla terza (regolare funzionamento di essa). Questo perché, per le prime due ipotesi, vi è come denominatore comune il licenziamento relativo alla soppressione del posto di lavoro derivante da una scelta organizzativa, mentre la terza ipotesi è legata a fatti relativi al lavoratore non costituenti inadempimento e non collegabili alla soppressione del posto di lavoro. In questa ultima fattispecie, il licenziamento, non è collegato alla modifica dell’organizzazione dell’azienda ma, è determinato

Anteprima della Tesi di Luca Scarpa

Anteprima della tesi: L'analisi di bilancio come strumento di valutazione del licenziamento per giustificato motivo oggettivo: un caso operativo, Pagina 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Luca Scarpa Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1657 click dal 31/10/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.