Antitrust Private Enforcement: Stati Uniti e Unione Europea a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

riferimento alla nascita di modelli alternativi. Nella ricerca del perché di un diritto antitrust, ci si è imbattuti nelle teorie dei Keynesiani, dei Post Keynesiani, di Neokeynesiani, di Classici, di Neoclassici (o Scuola delle Aspettative Razionali), di Monetaristi, e non è stato neanche facile districarsi tra le idee della Scuola di Chicago, della Public Choice della Virginia, degli Sperimentalisti, dei Game Theorists, delle varie correnti della Supply Side e della, non ultima per importanza, Scuola austriaca. È evidente che in un periodo storico come quello odierno di cui è già difficile scriverne ed interpretarne i risvolti per la sola ragione per cui lo si sta ancora vivendo in pieno, le teorie economiche fino ad oggi studiate appaiano in una luce affievolita, o almeno, si fa breccia il dubbio per il quale la predicabilità di alcune delle citate teorie possa essere messa in discussione. Muovendo da questo pensiero, non risulta peculiare neanche individuare, e per questo non può essere additato, chi assume che politiche di deregulation e di antitrust contrastino con lo sviluppo economico 15 . Lo stesso Schumpeter elaborò la teoria della “distruzione creativa” per la quale la condizione di monopolio, in alcune circostanze, non costituisce una minaccia all'economia e, anzi, la sua sola esistenza svilupperebbe la crescita economica e stimolerebbe 15 V .ORATI, L’effetto Schumpeter. L’infondatezza delle politiche di deregulation e antitrust, URL:http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=24885 12

Anteprima della Tesi di Alessio Basile

Anteprima della tesi: Antitrust Private Enforcement: Stati Uniti e Unione Europea a confronto, Pagina 13

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessio Basile Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11744 click dal 05/11/2012.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.