Skip to content

La dissoluzione di Lotta Continua nella Torino della seconda metà degli anni '70. Il tramonto di un'epoca fra movimenti e violenza

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
12 praticassero forme di violenza verbale e fisica durante scioperi, occupazioni e manifestazioni, non vuol dire che queste stesse persone fossero realmente disponibili ad armarsi e ad aprire il fuoco. L‟uso delle parole, la ritualizzazione della violenza, la pratica di una violenza in qualche modo controllata, non comportano un‟automatica disponibilità alla pratica concreta della violenza assassina» 25 . Ammettere che il ‟77 sia stato un acceleratore del cosiddetto “terrorismo movimentista”, riconoscere l‟internità e la contiguità dei e delle militanti di Prima Linea nel movimento non può, quindi, significare l‟esistenza di un rapporto di continuità diretta fra movimento e lotta armata o lo schiacciamento su quest‟ultima di esperienze vastissime e complesse come quella dell‟Autonomia 26 , e in parte della stessa Senza Tregua 27 . Alla comprensione del tramonto di un‟epoca e del sentire di un‟intera generazione corrono in soccorso forse le parole di Luca Rastello 28 : «Avevamo così forte nelle viscere il malessere del mondo agonizzante che se ci fossimo armati di esattezza forse ne avremmo deciso noi le sorti. Ma ci bastava il linguaggio contorto e oscuro delle nostre emozioni». L‟intreccio degli eventi e delle problematiche affrontate in questo elaborato, e sinteticamente richiamate nell‟introduzione, ha reso di non facile soluzione la sua strutturazione. Alla fine ho optato per una suddivisione (in sei capitoli) – diciamo così – di “comodo”, dettata cioè dalla necessità di fissare, accanto alle tappe della rapida dissoluzione di Lotta Continua a Torino, i segmenti sociali protagonisti del ‟77 (gli operai, i Circoli del proletariato giovanile, le femministe, gli studenti), per poterli analizzare meglio, e al tempo stesso ricostruire avvenimenti e situazioni che portarono prima alla costituzione di Senza Tregua e poi alla nascita di Prima Linea; ma la realtà fu molto più fluida ed intrecciata, quasi se quel magma sociale e politico che scaturì dalla frantumazione dei gruppi extra-parlamentari vivesse ed agisse in base ad un principio di vasi comunicanti: studenti che frequentavano i circoli giovanili, militanti dei circoli che partecipavano, più o meno organicamente, ad azioni armate, femministe che contaminavano un po‟ tutti gli altri movimenti, operai che cercavano di ricostruire legami di lotta e di solidarietà con gli studenti, ecc. 25 Cfr. M. Grispigni, 1977, op. cit., pag. 106, citato in M. Galfré, L‟insostenibile leggerezza del ‟77, cit., pag. 129. 26 Cfr.: S. Bianchi e L. Caminiti (a cura di), Gli autonomi. Le storie, le lotte, le teorie, 2 voll., DeriveApprodi, Roma, 2007; T. De Lorenzis, V . Guizzardi, M. Mita, Avete pagato caro, non avete pagato tutto. La Rivista «Rosso» (1973-1979), DeriveApprodi, Roma, 2008. 27 Cfr. E. Mentasti, Senza Tregua. Storia dei comitati comunisti per il potere operaio (1975-1976), Edizioni Colibrì, Milano, 2011, e dello stesso autore, La guardia rossa racconta Storia del Comitato operaio della Magneti Marelli, Edizioni Colibrì, Milano, 2006. 28 Cfr. L. Rastello, Piove all‟insù, Bollati Boringhieri, Torino, 2006, pag. 155.
Anteprima della tesi: La dissoluzione di Lotta Continua nella Torino della seconda metà degli anni '70. Il tramonto di un'epoca fra movimenti e violenza, Pagina 8

Indice dalla tesi:

La dissoluzione di Lotta Continua nella Torino della seconda metà degli anni '70. Il tramonto di un'epoca fra movimenti e violenza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Alberto Pantaloni
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2010-11
Università: Università degli Studi di Firenze
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Scienze storiche
Relatore: MonicaGalfrè
Lingua: Italiano
Num. pagine: 83

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

violenza
terrorismo
torino
fiat
partito comunista italiano
movimento operaio
femminismo
adriano sofri
lotta continua
lotta armata
compromesso storico
mirafiori
prima linea
carlo casalegno
autonomia operaia
movimento studentesco
potere operaio
settantasette
senza tregua
circoli del proletariato giovanile
guido viale
democrazia proletaria
angelo azzurro
roberto crescenzio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi