Skip to content

Analisi comparata tra la prima e la seconda intifada palestinese

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 maniera la tragedia e le sofferenze associate alle morti di innocenti in Israele, causate da attacchi suicidi.) 14 In ogni caso fu solo dopo i tragici avvenimenti dell’ 11 settembre 2001, con gli attacchi suicidi al World Trade Center (New York) e Pentagono (Washington) che l’atteggiamento di Israele si fece più duro nei confronti dei Palestinesi 15 . L’apice si ebbe nei mesi di marzo e aprile 2002 con l’operazione “Scudo di Difesa” 16 -il cui obiettivo era proseguire “l’estirpazione delle radici dell’infrastruttura del terrorismo” nei Territori Palestinesi 17 . Fu durante questa operazione che si ebbe il tragico episodio dei guerriglieri palestinesi arroccati nella Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme. Precedentemente il capo del governo israeliano, Ariel Sharon, aveva rifiutato una proposta di pace saudita (fatta propria dal vertice arabo di Beirut), per una soluzione globale del conflitto tra Israele e gli arabo-palestinesi, sulla base dei principi del diritto internazionale. 18 Nell’ottobre 2002 venne presentato, un documento (USA) nominato “Elements of a Performance-Based Road Map to a Permanent Two-State Solution to the Israeli-Palestinian Conflict”, più volte modificato, e accolto definitivamente dalle due parti solamente il 30 aprile 2003. In esso si prefiggevano tre fasi per arrivare alla pace. 19 Il documento era di per sé piuttosto ambizioso, ma dopo una serie di rotture della tregua (soprattutto per opera d e l l e f r a n g e e s t r e m i s t e p a l e s t i n e s i ) e d i rappresaglie da ambo le parti, si ebbe il naufragio della proposta di pace statunitense. Nel frattempo però non dobbiamo dimenticare che Israele stava iniziando a costruire un muro di divisione tra i territori occupati della West Bank , i territori israeliani (la famosa Green line del 1949) e le colonie. Questo muro 20 , oramai completato, ha portato alla frammentazione 14 Richard Falk, “Azmi Bishara, The Right of Resistance, and the Palestinian Ordeal” in Journal of Palestinian Studies, vol. XXXI, n.2, Winter 2002, pag.26. 15 vedi il capitolo “Come il mondo giudica e ha giudicato le due intifade e perché: il ruolo del 11.9.2001 e la guerra globale al terrorismo” 16 s p e c i f i c a z i o n i s u l l e m a n o v r e m i l i t a r i i s r a e l i a n e e sulla guerriglia palestinese verranno affrontate successivamente. 17 R i c c a r d o B o c c o , I s a b e l l e D a n e e l s , M a t t h i a s B r u n n e r , J a m i l R a b a h , “ L ’operazione scudo di difesa e le conseguenze sulla popolazione palestinese della West Bank” in Afriche e Orienti, 2002, pag.88. 18 Ibidem, p.88. 19 Phase 1: Ending Terror And Violence, Normalizing Palestinian Life, and Building Palestinian Institutions— Present to May 2003 Phase 2: Transition—June 2003—December 2003 Phase 3:Permanent Status Agreement and End of the Israeli-Palestinian Conflict---2004--2005 20 Anche il muro fa parte della manovra israeliana per fermare l’azione di guerriglia palestinese: così come gli argomenti inerenti alle strategie militari, anche questo sarà affrontato successivamente nel capitolo “Le reazioni israeliane alle due intifade”.
Anteprima della tesi: Analisi comparata tra la prima e la seconda intifada palestinese, Pagina 7

Preview dalla tesi:

Analisi comparata tra la prima e la seconda intifada palestinese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco De Stefano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Marcella Emiliani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

israele
palestina
cisgiordania
olp
arafat
autorità palestinese
hamas
intifada
road map
sharon
west bank
guerrilla
camp david
gaza
al aqsa
tanzim
idf
ramallah
barghouti
fatah

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi