Skip to content

Progetto e realizzazione di un banco prova oleodinamico a controllo digitale per caratterizzazione di azionamenti navali

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Banco prova oleodinamico a controllo digitale per caratterizzazione di azionamenti navali Jacopo Foglia 1.7 1.1.2 Gli accumulatori L’accumulatore idraulico viene utilizzato laddove il sistema idraulico richieda, per brevi periodi di tempo, grandi quantità d’olio e si vogliano impiegare pompe di piccola portata. La presenza dell’accumulatore permette inoltre: a. di mantenere una pressione costante nel circuito; b. di svolgere la funzione di volano idraulico, ovvero di smorzare le oscillazioni dovute alla portata pulsante della pompa; c. di alimentare i circuiti in caso di avaria della pompa, di mancanza di energia elettrica e fermata delle pompe. Si distinguono le seguenti tipologie di accumulatore:  a sacca: l’olio è separato dal gas azoto da una sacca a membrana riempita di gas alla pressione di esercizio;  a pistone: è costituito da un cilindro di acciaio nel quale scorre un pistone in lega leggera che divide la camera dell’olio da quella del gas. 1.1.3 Il fluido L’olio per applicazioni oleodinamiche più usato è di tipo minerale o sintetico con elevato potere lubrificante, assenza di azione corrosiva e di depositi, assenza di evaporazione ed ebollizione anche ad elevate temperature. La caratteristica fondamentale che determina la scelta dell’olio da utilizzare è la viscosità, la quale deve essere compatibile con le caratteristiche di funzionamento dell’impianto e deve mantenersi compatibile il più possibile al variare della temperatura. Infatti la viscosità varia in funzione della temperatura e si corre di conseguenza il rischio di avere fenomeni di cavitazione e di insufficiente riempimento a freddo per viscosità elevata nel circuito di aspirazione della pompa e fenomeni di eccessive fughe a caldo nel circuito di mandata per viscosità bassa. Generalmente la temperatura dell’olio di un impianto passa dai 15/20 ° C all’avviamento ai 50/60 °C a regime, con potenziali variazioni di viscosità ingenti. 1.1.4 I Filtri La presenza dei filtri garantisce che corpi estranei non possano trovarsi in circolazione danneggiando così le pompe, le valvole e gli attuatori del sistema oleodinamico. Per definire l’efficacia del filtro spesso si parla genericamente di potere filtrante, intendendo il diametro massimo della particella sferica che riesce ad attraversare il filtro; tuttavia il parametro unificato secondo la specifica ISO è la capacità filtrante: si valuta tramite un procedimento oggettivo di conteggio delle particelle inquinanti presenti a monte e a valle del filtro utilizzando un contaminante noto (la così detta prova di Multi Pass) e si definisce come: X n X n v m X     dove X è la dimensione minima percepibile dal contatore di particelle; n m è il numero di particelle a monte del filtro; n v è il numero di particelle a valle del filtro.
Anteprima della tesi: Progetto e realizzazione di un banco prova oleodinamico a controllo digitale per caratterizzazione di azionamenti navali, Pagina 10

Preview dalla tesi:

Progetto e realizzazione di un banco prova oleodinamico a controllo digitale per caratterizzazione di azionamenti navali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Foglia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Navale
  Relatore: Enrico Ravina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 283

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

automazione
idraulica
valvole
labview
simulazione
automazione a fluido
pneumatica
banco prova
controlli automatici
prove sperimentali
meccatronica
pid
oleodinamica
meccanica delle macchine
macchina del timone
oleotronica
pinne stabilizzatrici
timoni
impianti navali
automazione navale
elettroidraulica
controllo proporzionale
controllo di posizione
caratterizzare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi