Street Art: itinerari controversi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 in particolare, alla religione, in quanto realtà “preconfezionate” ed immutabili, sorde quindi all’evolversi della società contemporanea. L’ultimo capitolo si basa proprio sul controverso rapporto tra Street Art e istituzioni pubbliche e pone luce sulla sottile differenza tra arte e vandalismo. Sottile a livello burocratico, perché sul piano concettuale e visivo la controversia si risolve abbastanza intuitivamente. Si tratta di una problematica che non riesce a risolversi in maniera completa ed esaustiva, essenzialmente perché devono entrare in relazione due ordini di grandezza differenti. La burocrazia deve razionalizzare e regolare, l’arte deve manifestare le proprie idee ed esprimere i propri sentimenti. Motivo per cui, nel corso della storia, l’arte è entrata in collisione con la politica in diverse occasioni, ma in questo caso risulta essere un attacco che genera caos e confusione anche tra la società alla quale è rivolta, ovvero quella abituata a non vivere la città, ma ad attraversarla velocemente a capo chino. Le critiche più frequenti rivolte alla Street Art sono l’arroganza di imporsi senza essere richiesta e l’illegalità di imbrattare gli spazi pubblici e privati. L’approccio nei confronti della Street Art sta tuttavia mutando. Si possono riscontrare atteggiamenti di apertura e collaborazione da parte delle istituzioni, comprese quelle artistiche. Proprio musei e gallerie, infatti, l’hanno tirata fuori dall’esclusiva percezione di vandalismo nella quale versava. Di fronte al riconoscimento artistico, la burocrazia ha cercato di meglio valutare questa forma espressiva. Anche se, forse inevitabilmente, questa comprensione si è risolta comunque in tentativi di controllo. Principalmente si è cercato di formalizzare la Street Art incanalandola in forme di legalità, che però le risultano strette. Sicuramente sono utili gli interventi e gli incontri tra le parti, per meglio comprendersi. Difficilmente, però, la Street Art si accontenterà e rinuncerà ad uscire dalla superficie dei muri con permesso messi a disposizione dalle amministrazioni comunali. Per la realizzazione di quest’elaborato, attraverso l’osservazione partecipante e interviste semi strutturate, sono stati presi in esame due casi

Anteprima della Tesi di Carla Spinella

Anteprima della tesi: Street Art: itinerari controversi, Pagina 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Carla Spinella Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11880 click dal 14/11/2012.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.