Skip to content

Caratteristiche delle Grotte e Distribuzione dei Geotritoni (Hydromantes italicus, Amphibia) sull'Appennino Toscano

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Nonostante la maggior parte delle specie presentino una vita anfibia, alcune si sono adattate ad una vita esclusivamente terricola, mentre altre non abbandonano mai l'ambiente acquatico. La diffusione degli urodeli è maggiore nell'emisfero boreale, in particolare nelle zone temperate (Lanza et al., 2009). I Pletodontidi, con le circa 370 specie attualmente descritte, suddivise in 28 generi, rappresentano la famiglia più numerosa dell'ordine degli urodeli. Il loro nome deriva dall'alto numero di denti che possiedono: premascellari, mascellari, mandibolari, vomerini anteriori e vomerini posteriori (Lanza et al., 2009). Questa famiglia è suddivisa in 4 sottofamiglie: Bolitoglossinae, Hemidactyliinae, Plethodontinae e Spelerpinae. Le specie appartenenti a questa famiglia sono state in grado di colonizzare e di far propri habitat completamente diversi: ci sono specie esclusivamente terricole (es. quelle appartenenti al genere Hydromantes), altre totalmente acquatiche, altre ancora deserticole; esistono specie arboricole, rupicole o addirittura troglobie. Le varie specie sono state individuate e riconosciute prevalentemente attraverso analisi molecolari: la loro estrema somiglianza fisiologica e morfologica è compensata da una grande variabilità genetica. La famiglia dei Pletodontidi è caratterizzata dall'assenza di polmoni: la respirazione avviene prevalentemente attraverso la pelle, la quale risulta liscia e priva di annessi cutanei. La mancanza di polmoni ha permesso a queste specie di evolvere una caratteristica simile a quella degli Anuri: possiedono una lingua protrusibile che utilizzano nella caccia delle prede. Questa capacità deriva da una specializzazione dell'apparato ioideo, che non è più coinvolto nella respirazione (Pough et al., 2001). Altra caratteristica di questo taxon, è la presenza di un sottile solco naso-labiale, utilizzato per convogliare i segnali chimici verso l'organo olfattivo, che si trova all'interno della bocca. I Pletodontidi hanno un metabolismo molto basso e riescono a convertire in biomassa fino al 90% del cibo ingerito. Sono diffusi principalmente nel Nuovo Mondo: partendo dal Canada meridionale, si ritrovano negli Stati Uniti, America centrale, Colombia, fino ad arrivare alla Bolivia centrale ed al Brasile orientale. Nel vecchio continente, a parte la specie coreana Karsenia koreana Min, Yang, Bonett, Vieites, Brandon e Wake, 2005, è presente solo il genere Hydromantes. L'ipotesi più attendibile e condivisa riguardo la comparsa dei Pletodontidi indica come luogo di origine i Monti Appalachi, Nord America (Lanza, 2006). Wake (1966) suggerisce inoltre che la loro radiazione ebbe inizio nel tardo Mesozoico, ipotesi supportata da record fossili (Prodesmodon – 7
Anteprima della tesi: Caratteristiche delle Grotte e Distribuzione dei Geotritoni
(Hydromantes italicus, Amphibia) sull'Appennino Toscano, Pagina 5

Preview dalla tesi:

Caratteristiche delle Grotte e Distribuzione dei Geotritoni (Hydromantes italicus, Amphibia) sull'Appennino Toscano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Lunghi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Roberta Pennati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

appennino
toscana
anfibi
grotte
italicus
hydromantes
geotritoni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi