La testimonianza della parte civile

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 CAPITOLO I: I SOGGETTI 1.1 La parte civile e le altre parti nel processo penale “È un’esperienza eterna che qualunque uomo, che ha un de- terminato potere, è portato ad abusarne(…)Perché non si possa a- busare di un potere, bisogna che per la dispersione delle cose, il po- tere arresti il potere” 19 : l’insegnamento di Montesquieu, fedele so- stenitore del principio della separazione dei poteri dello Stato, con- tiene la medesima finalità a cui adempie il sistema della divisione delle funzioni nell’attuale processo penale; essa tende ad evitare che l’uso di un potere degeneri in abuso. Nel sistema accusatorio fonda- to sul principio dialettico 20 , i poteri di ricerca, ammissione, assun- zione e valutazione della prova devono essere divisi tra il giudice, l’accusa e la difesa in modo che nessuno di essi ne abusi 21 . Privile- giando l’interesse pubblicistico del processo penale all’accertamento della verità, si ritiene che essa possa meglio venire a galla se le fun- zioni processuali sono ripartite tra soggetti aventi interessi contrap- posti. Ad un giudice imparziale spetta decidere sulla base di prove ricercate dall’accusa e dalla difesa 22 . 19 Montesquieu C.L., Lo spirito delle leggi, Ginevra, 1748, libro I, cap. IV, trad. it., Milano, 1989 20 Per Calamandrei la dialettica del processo assomiglia alla dialettica parlamen- tare. La pluralità delle parti assomiglia alla pluralità nella lotta politica. Come dall’urto delle parti politiche nascono le leggi, così dal contraddittorio delle parti processuali nascono le sentenze. Il processo è un dialogo, una conversazione, fat- ta di ragionamenti, di persuasioni, fra il giudice e l’avvocato. Non è un caso che in molte città il Palazzo di giustizia si chiamasse “Palazzo della Ragione”. Il principio fondamentale del processo e la sua garanzia suprema è il contraddittorio: il che significa che la volontà del giudice non è mai una volontà sovrana, ma è sempre condizionata dalla volontà e dal comportamento delle parti. Al contrario, nel pro- cesso penale cosiddetto inquisitorio – che è sopravvissuto nel nostro ordinamento e nel nostro costume – le parti sono sostanzialmente elementi figurativi e il giudi- ce è tutto. 21 Tonini P., La prova penale, Padova, 1999, p. 3 22 Siracusano D., Diritto processuale penale, Milano, 2004, p. 47

Anteprima della Tesi di Chiara Letizia Ticozzi

Anteprima della tesi: La testimonianza della parte civile, Pagina 10

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Chiara Letizia Ticozzi Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 967 click dal 10/01/2013.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.