Skip to content

Prospettive e opportunità per le imprese italiane in Turchia

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 (World Economic Forum, 2011), ma di fatto dispone soltanto dell'1% di risorse rinnovabili di acqua (Anzera-Marniga, 2003, p. 69). I quattro grandi fiumi che attraversano questa regione (Tigri, Eufrate, Giordano e Nilo) non sono sufficienti, e le previsioni future sono drammatiche, in quanto il Medio Oriente è una delle zone al mondo in cui la dinamicità demografica è maggiore: la crescita della popolazione pesa e peserà sempre di più sul consumo di acqua, e gli Stati si troveranno di fronte al problema del suo approvvigionamento. Secondo le stime (Rapporto OCSE. Previsioni ambientali al 2050, OCSE, 2012), entro il 2025 tutti i Paesi del MENA, ad eccezione della Turchia e del Libano, si troveranno in uno stato di carenza idrica drammatico (Anzera-Marniga, 2003, p. 70), ed è stato previsto che nel 2050 solo la Turchia avrà una disponibilità di acqua adeguata alle esigenze, e ben sette Paesi (Algeria, Israele, Giordania, Libia, Siria, territori palestinesi e Tunisia) potrebbero trovarsi in uno stato di allarme (Ibid.). Il possesso e il controllo dell'acqua in quest'area sarà dunque un fattore di sicurezza al pari della capacità militare, e il Paese che riuscirà ad utilizzare più acqua deterrà automaticamente più potere perché sarà in grado di sviluppare l'industria e l'agricoltura, potrà assicurare ai suoi cittadini maggior benessere, ma soprattutto potrà negoziare con i suoi vicini da una posizione di forza (Ibid.), concedendo ad esempio quantità d'acqua in cambio di know how o basi militari. Per questa ragione, oggi, il problema dell'acqua occupa un posto di primo piano sul tavolo dei negoziati multilaterali: gli scontri, le diatribe e le guerre aperte interstatali scaturite dalla necessità di padroneggiare i materiali ritenuti di valore strategico, come l'acqua appunto, si stanno ponendo come una delle principali minacce alla stabilità e alla pace di molte aree del mondo, seguendo una tendenza destinata ad amplificarsi mano a mano che la scarsità o la privazione di beni fondamentali aumenteranno i disagi. Certamente le guerre saranno causate anche da altre ragioni, come scontri etnici, discordie religiose, competizione politica o economica, ma sempre più le motivazioni belliche saranno legate al possesso di materiali strategici (Anzera-Marniga, 2003, p. 13). In questo contesto, la Repubblica Turca potrebbe diventare un Paese chiave in quanto non solo è il Paese più privilegiato nell'area del Vicino Oriente, visto che sul suo territorio è ubicato il più grande serbatoio idrico di tutto il quadrante Mediorientale (Centro Studi Internazionali - Ce.S.I.), ma è anche in grado di controllare i flussi d'acqua del Tigri e dell'Eufrate (Fig. 2). I fiumi Tigri e d Eu fr a t e s i for mano ne ll ’ Ana tol ia o rie ntale , esattamente sulle cime della catena montuosa del Tauro armeno che demarca il confine tra Turchia ed Armenia. Il Tigri scorre verso sud-est, segnando per un breve tratto il confine tra Turchia e Siria, per poi giungere ne ll ’a rido ter ritorio ira c he no. L ’E u fr a t e , invece, segue un percorso iniziale più lungo e articolato in suolo turco per poi drenare le sue acque in Siria, attraversando successivamente
Anteprima della tesi: Prospettive e opportunità per le imprese italiane in Turchia, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Prospettive e opportunità per le imprese italiane in Turchia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Paglialunga
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Carmelo Maria Porto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 254

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

esportazioni
economia
turchia
export
ide
fdi
investimenti all estero
piccole e medio imprese italiane
storia economica della turchia
ricerca nuovi mercati
turkish economy

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi