Il Regolamento ''Roma I'' nella giurisprudenza della Corte di Giustizia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 soddisfacente e, comunque, più avanzato rispetto ad ogni altro campo di azione comunitaria. La dialettica con alcune giurisdizioni nazionali sancisce il definitivo consolidarsi, anche nelle giurisprudenze dei singoli Stati membri, sia dell'effetto diretto delle norme comunitarie sulla posizione giuridica del singoli, sia del primato delle stesse sulle norme nazionali in conflitto. Questa giurisprudenza è la testimonianza dell'armonia del sistema giuridico composito dell'Unione Europea che conserva la sovranità degli Stati membri, ma, anche, la specificità e l'originalità dell'esperienza dell'integrazione comunitaria. Il processo di integrazione sopra ricordato è in corso ormai da mezzo secolo. Se il Trattato di Lisbona rappresenta una delle ultime tappe, fondamentali sono state anche le numerose vicende precedenti: a partire della creazione delle Comunità Europee negli anni cinquanta, passando per il Trattato di Maastricht, il Trattato di Amsterdam, la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea proclamata a Nizza e, infine, il tentativo fallito di realizzare una carta costituzionale dell'Unione europea. Il Trattato di Maastricht sull'Unione Europea, firmato nel 1992 ed entrato in vigore un anno dopo, rappresenta una fondamentale tappa nel processo di integrazione comunitaria poiché realizza il passaggio da un'unione avente fini prevalentemente economici ad una struttura che tende al modello federale. Il nuovo Trattato trasforma la “Comunità Economica Europea” in “Comunità Europea” eliminando la connotazione economica con l'intento di avvicinarsi sempre più al cittadino e di instaurare la solidarietà tra i popoli. In quest'ottica il processo di integrazione compie un notevole passo in avanti grazie all'istituzione di una “cittadinanza dell'Unione” riconosciuta a tutti i cittadini degli Stati membri. La novità più importante è rappresentata dall'obiettivo di procedere all'instaurazione dell'Unione economica e monetaria, la cui realizzazione più rilevante è costituita dalla sostituzione delle monete nazionali con una moneta unica europea.

Anteprima della Tesi di Martina Calzolari

Anteprima della tesi: Il Regolamento ''Roma I'' nella giurisprudenza della Corte di Giustizia, Pagina 8

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Martina Calzolari Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 824 click dal 13/12/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.