Il diritto d’autore nella società globalizzata: tra equo compenso, DRM e file sharing

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

dell’Unione Europea ai cittadini degli Stati membri dell’Ue con il caso “Phil Collins”, poiché in contrasto con il principio di non discriminazione sancito dai Trattati di Roma 14 . Questo principio ha, però, avuto il merito di spingere gli Stati a redigere convenzioni internazionali in grado di dar vita ad un regime globale del diritto d’autore. La più importante è la Convenzione d’Unione di Berna per la protezione delle opere letterarie e artistiche (CUB) firmata a Berna nel 1886 e modificata da numerose conferenze successive. L’articolo 2 dell’accordo definisce in maniera chiara cosa si intenda per opere letterarie ed artistiche, ossia «tutte le produzioni nel campo letterario, scientifico e artistico, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione». Quest’ultima precisazione obbliga a collocare all’interno della sfera di protezione qualsiasi opera riconducibile ai campi indicati, di qualsiasi mezzo di espressione si avvalga, quindi anche di mezzi espressivi nuovi. La Convenzione di Berna prende forma dalla necessità di tutelare in maniera organica ed universale il diritto d’autore: gli Stati, prima d’allora, accordavano la protezione esclusivamente alle opere dei propri cittadini mentre la ratifica della CUB li obbliga ad estendere la stessa ai lavori dei cittadini dei Paesi contraenti. Gli Stati Uniti non sono tra i firmatari della Convenzione poiché questa sancisce che un’opera venga tutelata dal momento stesso in cui viene creata; nell’ordinamento statunitense invece, per ottenere tale protezione, era all’epoca necessaria la registrazione presso il Copyright Office. Nel secondo dopoguerra, per venire incontro sia alla necessità degli Stati Uniti di non stravolgere la propria legislazione che alla richiesta di una tutela concretamente universale del diritto d’autore, si inizia a discutere circa la stesura di 14 P. Auteri – G. Floridia – V . M. Mangini – G. Olivieri – M. Ricolfi – P. Spada, Diritto industriale. Proprietà intellettuale e concorrenza, Torino, Giappichelli, 2009, p. 524. 9

Anteprima della Tesi di Andrea Polidoro

Anteprima della tesi: Il diritto d’autore nella società globalizzata: tra equo compenso, DRM e file sharing, Pagina 10

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Polidoro Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1437 click dal 07/12/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.