Lo sviluppo sostenibile nell’esperienza aziendale di Sanpellegrino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 avere sugli equilibri economici, proponendo la distinzione tra i costi “privati” delle attività di produzione e di consumo e i costi “sociali” di tali attività. I risultati dei suoi studi misero in risalto come l’inquinamento provocato dalle attività umane fosse causa di costi esterni, che determinano uno scostamento tra i costi privati e i costi sociali, essendo questi ultimi determinati dalla somma dei costi privati e di quelli esterni. Solo in presenza di costi esterni nulli si sarebbe potuto realizzare un equilibrio ottimale dal punto di vista economico e sociale. Le posizioni di questi economisti sono state minoritarie rispetto a tutta la storia del pensiero economico, la maggior parte degli economisti non si è affatto preoccupata delle implicazioni negative dell’esaurimento delle risorse naturali e del degrado ambientale sulla qualità dello sviluppo. 1.2.2 Basi del pensiero organizzativo moderno fondate sulla responsabilità sociale d’impresa Il pensiero organizzativo moderno ha profonde radici nella teoria economica classica, ma dovrà attendere gli anni ’80, ’90 per avere una più completa visione dell’aspetto organizzativo aziendale finalizzato a una gestione responsabile e socialmente sostenibile. Nei paesi a capitalismo avanzato la concezione di responsabilità sociale, si fonda principalmente sul riconoscimento della crescente interdipendenza tra dimensione economica, ed effetti socio-ambientali delle condotte strategiche, tecnologiche e produttive e commerciali delle aziende di mercato; questo approccio si oppone all’ormai limitata tradizionale visione, di Milton Friedman, secondo cui la Csr 9 consiste sostanzialmente nel realizzare profitto e produrre valore per gli azionisti, riassunta dal celebre motto: “business of business is business”. La questione della responsabilità sociale d’impresa o Corporate Social Responsability, non è certamente una moda manageriale ma è ormai diventata una tendenza radicata che pone al centro della riflessione collettiva il ruolo dell’impresa all’interno della società, sono sempre più frequenti le situazioni in cui sia gli stakeholders che i titolari di imprese, che possono essere managers, imprenditori, rinegoziano i termini fondamentali delle obbligazioni reciproche. Un interessante contributo per cogliere la collocazione 9 CSR: Corporate Social Responsibility.

Anteprima della Tesi di Silvia Redaelli

Anteprima della tesi: Lo sviluppo sostenibile nell’esperienza aziendale di Sanpellegrino, Pagina 12

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Redaelli Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1395 click dal 13/12/2012.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.