Skip to content

Economy of Degrowth: Theories and Perspectives

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Michele Castaldo One of the strictest objectors of growth, Serge Latouche, compares our economic system with the case of the seaweed. “The seaweed, keeps on occupying space without caring about the limits, because apparently the space available is huge. However, a geometric progression of factor 2 can occupy 3% of a space in 24 years and the remaining 97% in just 5 years”. Then he specifies: “ at the moment we are in the same situation of the seaweed that has occupied just 48% of the sea but if it doesn't slow down in one year the space will be over”. Briefly, Latouche argues that the resources in this planet are limited, thus an unlimited growth is not possible. Even thought this statement can sound obvious, it looks like it is not considered. “ I have the feeling of being trivial and revolutionary at the same time” (Latouche, 2008, p. 58) he wrote, concluding the metaphor of the seaweed. Perplexities in the idea of an unlimited growth have been raised quite earlier. The first report of the Club of Rome in 1972 pointed out that natural resources were going to run out soon. Between the supporters of zero growth economy a prominent position is up to Nicholas Georgescu-Roegen who tried to create an economic model without growth: “sustainable development is a contradictory expression. It is impossible to grow forever and all the politic plans based on this concept are dangerous” (Roegen, 1976 cited in Latouche, 2008 p.28). Roegen argues that the idea of sustainable development is just a way to avoid or, in the best case, procrastinate the problem. Roegen analyzed that the economic cycle has an entropic nature, that is to say that the energies used in that cycle are not re-convertible in the original form. If the system doesn’t slow down, a crash will be unavoidable. Serge Latouche, briefly simplifies: “Our situation is comparable to a car with no driver, no brakes and no reverse gear that is up to crash against the limits of the planet” (Latouche, 2008, p. 5). With regard to this discussion, the analysis of Denis and Donella Meadows (2006) in their Limits to growth is very significant. By one side, they support Latouche's arguments: “Growth can solve some problems but create others. [..] The Earth is finite. Growth of anything physical, including human population and its cars and houses and factories, cannot continue forever. [..] There are limits to the rate at which humanity can extract resources (crops, grass, wood, fish) and emit wastes (greenhouse gases, toxic substances) without exceeding the productive or absorption capacities of the world ” (Meadows, 2006, p. 8). On the other side, the authors point out that 6
Anteprima della tesi: Economy of Degrowth: Theories and Perspectives, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Economy of Degrowth: Theories and Perspectives

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Castaldo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Carlo Giupponi
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sustainability
consumerism
green economy
zero growth
degrowth
resiliency
local production
local currency
participatory democracy
conviviality
social values
slow cities

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi