; Skip to content

I libri dietro la quarta. Ruoli e forme della quarta di copertina

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 presentato da altri, secondo «strategie» che non possono non tener conto di quanto ci sia dentro: il messaggio e i vari elementi che lo compongono e lo corredano. Letterati, critici e soprattutto storici si sono interessati alla doppia natura del libro – materiale e ideale, corporea e spirituale – e si sono accorti di quanto sia necessario fare riferimento alla storia delle tecnologie (inevitabilmente quelle legate alla stampa), dell’economia, dell’estetica grafica e analizzare i rapporti commerciali anche tra stati diversi, far riferimento agli studi sociali e alle questioni di diritto. Infatti, proprio le questioni legali ci possono aiutare a comprendere le storiche questioni tra autori, editori e stampatori vari per definire la paternità di un’opera, i diritti di chi può fare cosa, e i guadagni 7 . Lo stesso Immanuel Kant nel 1796 si occupò della questione distinguendo l’oggetto materiale – prodotto di un’arte meccanica e per il quale la riproduzione è possibile solo da parte di chi abbia acquisito il possesso – dal discorso indirizzato a un pubblico da un autore o da un editore che ha ricevuto il potere di parlare a nome dell’autore. Gli altri, quelli che non hanno ricevuto questo potere, sono artefici di riproduzioni illegali che violano il diritto personale ed economico di autore e editore 8 . Riflessioni sull’essenza e la materialità del libro sono nate da diversi approcci al tema. Alonso Victor de Paredes, stampatore a Madrid e Siviglia e autore del primo manuale in lingua volgare dell’arte della stampa composto nella seconda metà del XVII secolo 9 , distingue il corpo e l’anima del libro, ma per comprendere meglio come questi siano inseparabili. Il lavoro dei torcolieri è importante per la costruzione del significato dell’opera insieme all’essenza stessa del libro. Le variazioni di uno stesso testo, piø o meno volute, nelle diverse stampe ed edizioni hanno valore storico e di trasmissione perchØ imposte dalle preferenze, dalle abitudini e dagli errori di coloro che lo hanno composto e corretto. Proprio Roger Chartier – storico francese 7 Nel 1710 la regina Anna d’Inghilterra sancisce il primo statuto completo sul diritto d’autore. Nel 1840 con la Convenzione austro-sarda si mette al bando al pirateria tutelando i prodotti d’ingegno dalle contraffazioni, ma in Italia il mercato del libro sarà unificato solo dopo l’unità. Altri due momenti internazionali importanti per la tutela del diritto d’autore sono la Convenzione di Berna (1886) e la Convenzione Universale sul diritto d’autore di Ginevra (1952). La legge italiana si basa sulla legge del 22 aprile del 1941 n°633 e sulle successive modifiche in base anche delle direttive comunitarie. Con le innovazioni apportate oggi in campo editoriale dal digitale il diritto d’autore torna a essere una questione di dibattito poichØ in ulteriore evoluzione. Cfr. Umberto Izzo, Alle origini del copyright e del diritto d’autore. Tecnologia, interessi e cambiamento giuridico, Milano, Carocci, 2010; Giorgio Jarach, Alberto Pojaghi, Manuale del diritto d'autore, Milano,Mursia 2011; Settimio Paolo Cavalli, Alberto Pojaghi, Dizionario del diritto d’autore, Milano, Editrice Bibliografica, 2003. 8 Cfr. Immanuel Kant, Che cos’è un libro? in La metafisica dei costumi, Roma-Bari, Laterza, 1983. Ovviamente Kant non poteva conoscere e quindi far riferimento agli sviluppi della fotoriproduzione, ma la questione resta, per certi versi, ancora oggi: comprato un libro ci si appropria di un oggetto, letto il libro ci si appropria del contenuto, ma comunque il possessore-lettore detiene diritti in realtà limitati rispetto sia all’oggetto (può essere distrutto, perso, regalato ma non riprodotto integralmente) che al suo contenuto (non può subire variazioni, se non in particolari casi e comunque prendendosene la responsabilità). 9 Alfonso Victor de Paredes, Istituctión y origen del arte de la imprenta y reglas generals para los componedores, (1680) Madrid, Calambur, 2002.
Anteprima della tesi: I libri dietro la quarta. Ruoli e forme della quarta di copertina, Pagina 9

Preview dalla tesi:

I libri dietro la quarta. Ruoli e forme della quarta di copertina

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Mercanti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Editoria e Scrittura
  Relatore: Nicola Antonio Attadio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

e-commerce
editoria
marketing mix
marketing editoriale
paratesto
quarta di copertina
grafica editoriale
editoria digitale
risvolti o bandelle
libreria on-line
e-commerce librario
editoria 2.0
fascetta libro
blog letterari
copertina libro
cliente libreria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi