Skip to content

Sindacati e Partecipazioni statali. Il caso Lanerossi-ENI (1959-1973)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
inoltre ritenuto utile corredare la tesi di una cronologia dei i momenti salienti delle vicende succedutesi alla Lanerossi e alla Marzotto. Ho poi approfondito la storia dell'ENI e dell'artefice del suo successo nel mondo, Enrico Mattei, che morì nel 1962, proprio nell'anno in cui la Lanerossi fu rilevata dall'azienda di Stato. Ho infine realizzato cinque interviste ad operai, impiegati e sindacalisti della Lanerossi, che sono state molto utili per chiarire alcuni aspetti relativi alla vita di fabbrica e alle vertenze che più sono rimaste nella memoria di chi, come loro, ha vissuto in prima persona le vicende dell'epoca. I protagonisti delle interviste sono stati, oltre a Livio Bortoloso, Silvano Dalla Riva, impiegato programmatore di computer nello stabilimento di Schio 1, Mario Falisi, sindacalista della FILTEA- CGIL, Egidio Pasetto, anche lui sindacalista della FILTEA-CGIL, e Bruno Oboe, sindacalista della FILTA-CISL. Le battaglie sindacali alla Lanerossi hanno sempre svolto il ruolo di apripista nei confronti delle altre aziende del Vicentino, riuscendo ad anticipare risultati rivendicativi che solo più tardi furono generalizzati per il resto dell'industria tessile, composta principalmente di piccole aziende. Tuttavia le difficoltà ad orientare le strategie aziendali in senso positivo per i lavoratori furono presenti sia con la vecchia proprietà a capitale privato che con la successiva a capitale pubblico. Il diverso comportamento delle due principali organizzazioni sindacali, CISL e CGIL, ha consentito alla dirigenza della Lanerossi di poter contare sui contrasti esistenti tra loro per adeguare il livello delle trattative nel modo a essa più consono, e per evitare imposizioni contrattuali considerate troppo gravose. Il fatto che negli anni Sessanta gli aspetti ideologici guidassero il modo d'agire dei sindacati non può essere considerato, a mio avviso, solo un aspetto negativo, perché ha consentito, l'“alfabetizzazione politica” dei lavoratori nei primi decenni di esistenza della Repubblica, anche se ha impedito, sino al 1969, di creare un movimento sindacale ampio e unito che contrastasse con la dovuta energia il potere, quasi senza limiti, che l'imprenditoria italiana ha avuto modo di dispiegare in quegli anni. Il contesto dei rapporti sindacali mutò quando si constatò che tra i lavoratori si era diffuso un sentimento di condivisione degli obiettivi rivendicativi che metteva all'angolo le vecchie impostazioni ideologiche basate sull'appartenenza politica. Beninteso queste permanevano vive, ma era considerato prioritario permettere l'avvicinamento tra i lavoratori dipendenti, i quali vivevano la realtà di fabbrica quotidianamente, per mettere finalmente al centro della lotta sindacale le contraddizioni che il capitalismo faceva loro subire. Questa consapevolezza fu percepita alla Lanerossi a causa del progressivo aumento dei ritmi di lavoro e della debolezza dei sindacati nell'impedire la massiccia perdita di posti di lavoro verificatasi dopo il piano di ristrutturazione che prese avvio a partire dal 1962. Centrale divenne anche la possibilità di dare finalmente forma ad un 6
Anteprima della tesi: Sindacati e Partecipazioni statali. Il caso Lanerossi-ENI (1959-1973), Pagina 5

Preview dalla tesi:

Sindacati e Partecipazioni statali. Il caso Lanerossi-ENI (1959-1973)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Chemello
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Gilda Zazzara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sindacato
partecipazioni statali
industria tessile
lanerossi
eni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi